Mercoledì, 10 Luglio 2013 13:31

“Uomini di parola”: vecchi delinquenti regrediscono e risorgono. Recensione.Trailer

Scritto da

ROMA - Dopo 28 anni passati dietro le sbarre il delinquente Val esce di galera ed inizia una nuova vita. Una vita che si prospetta breve dato che Doc, suo vecchio amico di rapine, ha ricevuto dal boss il compito di ucciderlo entro le dieci del giorno seguente.

L'incontro fra Doc e Val risveglia emozioni e sensazioni sopite,  ma Doc sa che non eseguire il compito equivale a firmare la propria condanna a morte.
 La parte iniziale del film di Fisher Stevens è imbarazzante per Al Pacino-Val,  deprimente per lo spettatore. La vecchiaia appare come un surrogato della giovinezza. La ricerca dello sballo del protagonista è in primo piano, tutto il resto sullo sfondo. Si passa dunque velocemente attraverso  rapporti difficili ma pur sempre rassicuranti con prostitute, approcci più o meno patetici in locali notturni con giovani ragazze, tentativi disperati di creare sostanze stupefacenti "fai da te".  Questa regressione adolescenziale è comprensibile se si pensa che Val ha perso ben 28 anni di vita e  gli rimangono da vivere ben poche ore, ma è pur sempre sgradevole a vedersi. In questa prima parte, proprio per la natura dei personaggi, l'umorismo da caserma non funziona. Fortunatamente la commedia cambia registro e assistiamo un progressivo approfondimento delle relazioni e delle emozioni in gioco. Gradualmente ci si affeziona a questi personaggi.  Forse proprio perché ci viene presentato il lato più fragile di questi duri “uomini di parola” in lotta con un tempo tiranno e con un cattivo più cattivo di loro. O forse per la qualità degli attori ed in primo luogo per la bravura interpretativa di Christopher Walken che aggiunge profondità insondabili ai suoi personaggi. La luce di un lampione notturno fornisce un tocco di poesia ad una atmosfera nostalgica ma mai veramente funebre. Come le albe dipinte da Doc che colgono il giorno che viene e non quello che fugge. Per morire bisogna vivere, per risorgere è necessario morire.

REGIA: Fischer Stevens
ATTORI: Al Pacino, Christopher Walken, Julianna Margulies, Alan Arkin
SCENEGGIATURA: Noah Haidle
FOTOGRAFIA: Michael Grady
GENERE: Commedia
PRODUZIONE: USA
DURATA: 95 minuti
USCITA NELLE SALE: 11 Luglio

Uomini di parola - trailer

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]