Mercoledì, 23 Aprile 2014 14:27

“Alabama Monroe”. L’amore, la morte, la ricerca scientifica. Recensione. Trailer

Scritto da

 

ROMA - Se l’ amore è per eccellenza  principio del piacere,  la morte è il protoplasma del dolore. Dal primo nasce la vita, la seconda vi mette fine.

E’ sufficiente l’amore per scongiurare il sonno eterno? Il film sembra  porsi questo interrogativo che rimanda a un famoso romanzo di Guy De Maupassant “Forte come la morte” dove passione e distruttività  sono intimamente legate, dove vita e decesso coesistono come  due facce della stessa medaglia. Sulla drammatica vicenda di “Alabama Monroe”  grava l’ineluttabilità del destino per il quale, se è vero che niente succede per caso, è ancor più vero che la nostra influenza sugli intrecci della casualità rimane limitata e molte domande restano senza risposta. Quanto può, inoltre, la ricerca scientifica salvare una  vita, quanto la religione  con i suoi falsi dogmi ne ritarda la sperimentazione?

La regia di Felix Van Groeningen  risponde a tali quesiti con un melodramma rigoroso,  che mai scade in eccessi, mantiene la freschezza e la semplicità  della sua stessa colonna sonora, imperniata sulla musica bluegrass, il country nella versione più pura, facendo agire attori convincenti.  La vicenda si svolge in Belgio e ha per protagonisti Elise, una ragazza che gestisce uno studio di tatuaggi e Didier, che suona il banjo in un gruppo musicale ed è innamorato dell’America, identificata come il paese delle mille opportunità. I due vivono insieme amandosi teneramente, affrontando senza cedimenti le difficoltà quotidiane, hanno una figlia Maybelle, che si ammala di cancro…   Siamo nel periodo dell’attentato alle Torri Gemelle e il presidente George Bush diffonde via cavo un discorso alla nazione, dove plaude al veto sulla ricerca delle cellule staminali, le stesse che potrebbero essere utili a curare la piccola Maybelle che ha sei anni… 

Regia di classe, film e  interpreti pluripremiati.  Da vedere.

Alabama Monroe - Una storia d'amore

Titolo originale: 

The Broken Circle Breakdown

Nazione: 

Belgio, Olanda

Anno: 

2012

Genere: 

Commedia

Durata: 

100'

Regia: 

Felix Van Groeningen

Sito ufficiale: 

Cast: 

Johan Heldenbergh, Veerle Baetens, Nell Cattrysse, Geert Van Rampelberg, Nils De Caster, Robby Cleiren, Bert Huysentruyt, Jan Bijvoet

Produzione: 

Menuet Producties, Topkapi Films

Distribuzione: 

Satine Film

Data di uscita: 

08 Maggio 2014 (cinema)

Alabama Monroe - trailer

 

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]