Venerdì, 08 Aprile 2011 14:43

“Rasputin”: film ipnotico che decifra il mistero. La recensione

Scritto da

ROMA - Taumaturgo, indovino, sciamano, demonio, santo. È stato definito nei più svariati modi, senza mai riuscirlo a comprendere del tutto. Rasputin, l’oscuro contadino divenuto il più influente consigliere alla corte dell’ultimo zar, è stato e rimane un mistero che in molti hanno provato a decifrare.

Tra questi Louis Nero che nel suo ultimo film da oggi nelle sale ci dà un’inedita interpretazione, intrigante e avvincente.
Partendo dalla sua morte, travagliata come la sua vita, il giovane regista torinese ripercorre la sua esistenza in una visione del tutto nuova: Rasputin non è più il perverso stregone consegnatoci dalla storia, ma un uomo umile assetato di verità e spinto da un forte impulso di redenzione. Quel 19 dicembre del 1916, in cui il taumaturgo cade vittima di un complotto di corte, ancora oggi al centro di un dibattito storico, è il punto di partenza di una vita mai iniziata e mai finita, una vera e propria lotta carnale che si fa martirio.
Il suo è un percorso iniziatico, un processo catartico di liberazione dalle passioni attraverso le stesse passioni. Tutta la sua vita, che nel film appare un eterno presente, si dispiega tra sete di conoscenza, misticismo, potere, peccato, come nella più genuina esperienza sensoriale di un viaggio agli inferi. Rasputin uomo debole ma tenace, che non smette di cercare e che a 33 anni cambia il nome in Novyj per diventare un “uomo nuovo”: è questo il personaggio che Nero ha voluto rappresentare e riproporre alla nostra attenzione.


La scelta narrativa del film è audace e innovativa: non un classico docufilm, ma un viaggio introspettivo coinvolgente. È lo stesso Rasputin, interpretato da Francesco Cabras, a indurci in uno stato ipnotico fin dall’inizio del racconto, mentre la voce narrante, affidata a Franco Nero, ci conduce sulle orme del protagonista. Da lì un susseguirsi di quadri dalle tinte fosche e accese, che rendono l’opera un “film pittorico”, come l’ha definito l’autore, in cui l’immagine è parte integrante del racconto. “Ho voluto fare una sorta di omaggio all’antica tradizione delle icone russe – ha spiegato Nero – inserendo una forte parte estetica in parallelo alla narrazione”.
Le scene appaiono come set di videogiochi, in cui i personaggi si muovono assieme alla mente dello spettatore “ipnotizzato” da Rasputin, con tanto di riquadri inseriti ai margini e corredati di spiegazioni. In una San Pietroburgo di inizio Novecento, tra orge, intrighi, vizi, occultismo e religiosità, che proietta l’azione nei gironi del vizio e della decadenza. Le figure e le voci come fantasmi ed echi: sono le nostre passioni, eternamente umane, senza le quali, direbbe Rasputin, non vi è redenzione.





Rasputin
Titolo originale:
Rasputin

Nazione:
Italia

Anno:
2010

Genere:
Thriller

Durata:
85'


Regia:
Louis Nero


Sito ufficiale:
www.altrofilm.it/rasputin

Cast:
Francesco Cabras, Daniele Savoca, Franco Nero, Marco Sabatino, Luciano Rosso, Attilio Cottura, Valerio Portale, Diana Dell'Erba

Produzione:
L'Altrofilm

Distribuzione:
L'Altrofilm

Data di uscita:
08 Aprile 2011 (cinema)

 

Trailer

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]