Lunedì, 12 Ottobre 2015 11:01

Teatro Parioli. “Wrong play, my lord!” Amleto in chiave esilarante. Recensione

Scritto da

Al Teatro Parioli Peppino De Filippo un “Amleto” esilarante e tutto in comprensibile lingua inglese, giocato sulle entrate e uscite dei più celebri personaggi shakespeariani, inaugura la rassegna PRIMO SALE

ROMA - Chissà che direbbe William Shakespeare davanti alla riproposizione in chiave ironica – ma assolutamente pertinente - di una delle sue tragedie più nobili, l’”Amleto” se la vedesse condita di alcuni dei suoi altri personaggi di altrettanti celebri lavori teatrali e recitata da una giovane compagnia napoletana in un perfetto inglese, condito da un’eccelsa mimica e recitazione e da una colonna sonora stile “ballroom anni Venti”, interpretata – spettatori inclusi – sul palcoscenico di un noto teatro di Roma Nord.

E’ quanto è successo l’altra sera al Teatro Parioli Peppino De Filippo nell’ambito del primo spettacolo della rassegna PRIMO SALE, curata da Giulio Baffi e portata in scena dalla compagnia THE HATS, guidata dalla regista LudovicaRambelli in una perfetta compenetrazione empatica tra attori e pubblico, tutto rigorosamente italiano (senza dover per forza essere esponente di una madrelingua inglese). I tre giovanissimi interpreti (ognuno dei quali, ci dice la regista, è diventato genitore da pochissimo, tanto che in una boutade al centro dello spettacolo anche la neonata – vera – di Ofelia diventa per un attimo protagonista) sono ArturoMuselli,AlessioSica e MargheritaRomeo.  

“Wrong play, my lord!” è il titolo della divertente ma altrettanto seriosa commedia messa in piedi con pochi simbolici oggetti, una semplice e quasi inesistente scenografia ed un incredibile talento nel multi trasformismo situazionale e psicologico di ogni personaggio. Amleto diventa Otello e Romeo ma viene interrotto per rientrare nei suoi binari da un Claudio, Polonio, Laerte elettrizzante che a volta usa accenti russi o francesi (beninteso, sempre parlando un inglese più British che slang americano) e la stessa Ofelia si fa Giulietta, Gertrude o una semplice donna dalle mille ansie di colpire con le sue frecce avvelenate di passione nel segno maschile, dando prova in due situazioni di una perfetta e cosciente dipartita dalla vita (l’annegamento della fidanzata di Amleto nel fiume necessita di una sola bacinella d’acqua e l’avvelenamento della regina di Danimarca contesa tra amante e figlio in un maccheronico duello di spade è più che mai esilarante). A elettrizzare la platea è la fuoriuscita ed immediata rientrata dell’attore dal suo (anzi dai suoi molteplici) personaggio/i non solo con una gestualità, prossemica ed intonazione vocale congeniali ad uno slalom caratteriale continuo, ma anche attraverso una assoluta padronanza della lingua (inglese, italiana e dialettale di Partenope e dintorni) che rende lo spettatore partecipe, se non complice della situazione drammaturgica – tra passato remoto e presente contemporaneo,  generata con ritmi forsennati. Rosencrantz, Guildenstern e perfino lo zio di Amleto, come lo stesso pubblico intervenuto alla “Trappola per tropi” di corte, recita nella recita, fanno parte di noi e amano essere coinvolti nell’azione… Un’azione calibrata di prossemiche centellinate, di improvvisazioni comiche e autoironiche premeditate su canovacci liberi, di gestualità semantiche che rimandano in continuazione al gioco “In & Out” voluto dallo stesso Shakespeare sui personaggi e, fisicamente, a teatro, all’interno di una performance in cui il fatto di essere recitata totalmente in lingua originale è un intelligente e innovativo escamotage per spronare alla comprensione un pubblico multiculturale e internazionale comunque universalmente amante del teatro e non per forza intriso di insegnamenti grammaticali linguistici, dal momento che la performance – tra segni, mimiche, gesti e variazioni vocali e facciali - è altamente comprensibile…

Un esperimento riuscito che speriamo verrà ancora replicato a Roma dopo, naturalmente, il ritorno nei teatri off campani dove è di casa e, prossimamente – ce lo auguriamo tutti – al festival di Edinburgo. Ma dopo l’Amleto – ci dice la Rambelli – esistono nuovi progetti, sempre improntati al gioco shakespeariano: prossima vittima sarà Otello! E non c’è Lady Macbeth che, traslando il copione originale, non vorrà insinuarsi nella suddetta tragedia…

Elisabetta Castiglioni

Teatro Parioli Peppino De Filippo

Via Giosuè Borsi, 20 - 00197 Roma 

Sito Ufficiale: www.teatropariolipeppinodefilippo.it

Pagina FB: www.facebook.com/teatropariolidefilippo

Twitter: @ParioliTeatro

PRIMO SALE

rassegna teatrale di artisti emergenti

a cura di Giulio Baffi

The Hats

WRONG PLAY, MY  LORD!

da Amleto di William Shakespeare

regia Ludovica Rambelli

aiuto regia Victoria De Campora

con  Arturo Muselli, Alessio Sica, Margherita Romeo

I prossimi spettacoli di PRIMO SALE:

13-14 ottobre 2015 ore  21:00

Scenari Visibili

PATRES

regia e drammaturgia Saverio Tavano

tecnica Pasquale Truzzolillo

con  Dario Natale, Gianluca Vetromilo

16-17 ottobre 2015 ore  21:00

LA MONACA DI MONZA

di Giovanni Testori

Regia e Interpretazione Yvonne Capece e Walter Cerrotta

20-21 ottobre 2015 ore  21:00

IL CONTRATTO di Eduardo De Filippo 

regia Pino Carbone

con Claudio Di Palma, Anna Carla Broegg, 

Andrea de Goyzueta, Giovanni Del Monte, 

Francesca De Nicolais, Carmine Paternoster, Fabio Rossi

23-24 ottobre 2015 ore  21:00

I Due della Città del Sole

in collaborazione con Sus Babi Teatro

IL DUELLO

di Matilde D’Accardi

Tratto dall’omonimo romanzo di Joseph Conrad

regia Alessandro Marmorini

musiche originali Francesco Leineri

con  Michele Lisi, Carlotta Mangione, Alessandro Marmorini, Davide Paciolla

Elisabetta Castiglioni

Giornalista e Promoter Culturale

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Le donne e il tempo

Si apre il sipario del tempo

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]