Giovedì, 07 Luglio 2011 16:47

Pirandelliana sull’Aventino. “I Giganti” di Marcello Amici

Scritto da

ROMA - Sogni, fantasmi, giochi di luci, effetti sonori. Si è aperta così, con I giganti della montagna, la seconda serata della rassegna Pirandelliana, giunta ormai alla 13esima edizione, nella splendida cornice della terrazza della basilica di Sant’Alessio sull’Aventino. Quest’anno la rinomata compagnia della Bottega delle maschere, diretta da Marcello Amici, si è cimentata nell’opera forse più difficile ma anche più appassionante di Luigi Pirandello. In calendario, a serate alterne, con I sei personaggi in cerca d’autore.



Scritta a più riprese nel corso della sua vita e lasciata incompiuta alla morte del poeta nel 1936, I giganti della montagna si discosta molto dalla precedente produzione pirandelliana, sia per i toni inediti a tratti onirici e surreali, sia per il contenuto che lo rende un mito aperto a più interpretazioni. La messa in scena rappresenta una sfida per ogni regista, che Marcello Amici assieme alla sua straordinaria compagnia ha raccolto mirabilmente.

«Stia tranquilla, Contessa. È la villa. Si mette tutta così ogni notte da sé in musica e in sogno. E i sogni, a nostra insaputa, vivono fuori di noi, per come ci riesce di farli, incoerenti. Ci vogliono i poeti per dar coerenza ai sogni». La villa è quella della Scalogna, dove vivono il mago Cotrone e i suoi Scalognati, gente strana che si nutre di sogno e poesia. Un luogo misterioso, dove una sera giungono l’attrice contessa Ilse, suo marito e un gruppo di diseredati. Sono i superstiti di una compagnia teatrale, caduta in disgrazia nel tentativo di rappresentare il dramma La favola del figlio cambiato, dello stesso Pirandello. Ne nasce un incontro-scontro tra chi vive la professione dell’attore come mestiere inseguendo l’illusione della fama passata e chi fa della propria vita un’eterna rappresentazione dove reale e immaginario si confondono, dove i sogni sono reali.

Per la varietà di tipologie degli attori e delle attrici, per il loro stile lontano dal naturalismo e per la bravura della squadra, la compagnia della Bottega delle maschere, giunta al suo 30esimo anno di attività, ha reso in modo brillante il dramma. La regia di Amici, inguaribile pirandelliano, e la sua grande interpretazione hanno fatto il resto.

«Questo è il vero segno che si è del mestiere! Impari dai bambini, le ho detto, che fanno il gioco e poi ci credono e lo vivono come vero!» dice Cotrone al gelido e razionale Spizzi, della compagnia della contessa, che ribatte: «Ma noi non siamo bambini!». E Cotrone: «Se siamo stati una volta bambini, possiamo esserlo sempre!». Per una volta allora cadono le maschere, ed ecco svelato il segreto dell’arte e della poesia o, se vogliamo, della felicità.        

I GIGANTI DELLA MONTAGNA
di Luigi Pirandello

con
Marcello Amici, Marco Vincenzetti, Antonella Alfieri, Linda Sessa,
Anna Varlese, Umberto Quadraroli, Andrea Carpinteri, Simone Destrero,
Giorgia Serrao, Maria Lovetti, Stefano Capecchi, Marco Tonetti, Simona Giaimo,
Francesca Del Vicario, Carlo Bari

Scene Marcello de Lu Vrau             Costumi Natalia Adriani

Regia
Marcello Amici

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]