Domenica, 12 Febbraio 2017 20:20

Sala Umberto. “I suoceri albanesi”. Da non mancare

Scritto da

ROMA - Cinquanta città, ottantasei repliche, cinquantamila spettatori e una lunga serie di “sold-out”, sono queste le cifre del successo de “I suoceri albanesi”, la commedia di Gianni Clementi con Francesco Pannofino ed Emanuela Rossi, sul palco del Sala Umberto fino al 19 febbraio.

Un successo che si rinnova puntualmente, poiché in questi giorni coloro che vi assistono per la prima volta ridono e applaudono, in un teatro gremito dal passaparola degli spettatori.

E’ quella di Clementi una commedia intelligente, che tocca un tema attuale quale l’emigrazione e la convivenza con il diverso, interpretata benissimo dall’intero cast, dove ogni personaggio è una caricatura riuscita del nostro quotidiano: in scena una famiglia borghese, d’idee progressiste. Il padre consigliere comunale, la madre giornalista con il pallino della cucina e del cibo sano, la figlia adolescente insoddisfatta e in rivolta contro i genitori. Poi ancora il vicino di casa che ha vissuto nel lontano Oriente e l’amica di mezza età in cerca dell’uomo della vita. Un giorno la rottura di un tubo dell’acqua obbligherà questa famiglia a chiamare una ditta d’idraulici perché restaurino il bagno. Per quel lavoro che durerà diversi giorni, arriveranno due giovani operai albanesi e l’incontro con loro darà origine a una piccola rivoluzione, mettendo alla prova quei valori di fratellanza e quei principi di accoglienza che il nucleo familiare ha da sempre professato.

“I suoceri albanesi” fa pensare al famoso film del 1967, diretto da Stanley Kramer, “Indovina chi viene a cena?”, pur esprimendo una sua originalità, una sua inconfondibile chiave comica, pur essendo calato nella nostra realtà e nel nostro tempo. E’ una commedia che tocca con leggerezza temi importanti e profondi, solleva risate senza cadere nella volgarità, benché romanesca é pregna di quel cosiddetto “humour inglese”: vale a dire quell’ironia fine, che ridicolizza i nostri tic quotidiani, che radiografa con intelligenza tagliente e pur garbata la nostra vita. Attori di alto livello, scenografia e musiche ad hoc, regia sapiente, sono il segreto di un successo meritato.

Viola Produzioni Srl

Presenta

FRANCESCO PANNOFINO | EMANUELA ROSSI

I SUOCERI ALBANESI

Di Gianni Clementi

con
ANDREA LOLLI | SILVIA BROGI | MAURIZIO PEPE 

FILIPPO LAGANÀ | ELISABETTA CLEMENTI

Regia di

CLAUDIO BOCCACCINI

produzione Viola Produzioni

Fino al 19  FEBBRAIO 2017

SALA UMBERTO

Via della Mercede, 50 Roma

Tel. 06 6794753

www.salaumberto.com

giovedì e venerdì ore 21, sabato ore 17 e 21, domenica ore 17

Prezzi da 32€ a 23€

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Amore Illusione

L’amore illusione... possederlo farlo nostro!

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Vaccini Genetici: Una tecnologia da tenere d'occhio

La rivista di divulgazione "Scientific American" ha incluso i vaccini genetici nelle "Dieci tecnologie da tenere d'occhio". La ricerca di nuove strategie di vaccinazione deve tenere in considerazione non solo l'efficacia...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]