Lunedì, 16 Aprile 2018 21:51

“Scende giù per Toledo”: l’umanità frastagliata di Patroni Griffi scuote il Piccolo Eliseo

Scritto da

Coinvolge e appassiona “Scende giù per Toledo”: monologo tratto dal racconto di Giuseppe Patroni Griffi del 1975, in scena al Piccolo Eliseo con Arturo Cirillo, nel duplice ruolo di attore e regista. 

Un’umanità derelitta sostenuta dalla flebile speranza di un “amore assoluto”: è questa Rosalinda Sprint, un transessuale napoletano, il cosiddetto “femminiello” che in tacchi a spillo, capelli gialli e minigonna inguinale “scende giù per via Toledo e va di fretta, è in ritardo col sarto e deve andare da Marlene Dietrich, fra mezz’ora e quella non aspetta”. Un’ironia malinconica come lo sguardo di Rosalinda, interpretata magistralmente da Arturo Cirillo, che solo dà forma a un’umanità frastagliata: la maitresse trans alias Marlene Dietrich, altre “prostitute” Maria Callas e Viacolvento, la Contessa “spiaggiata”, il bambino garzone, l’amato Gaetano e il feroce cugino. 

Un modo di fare naif quello di Rosalinda - esaltato dalla cifra distintiva di Cirillo – che è approdata a Montecalvario dai bassi napoletani per sfuggire al padre che le dava del “ricchione”, per rifugiarsi in una Napoli parallela, notturna, crudele, fatta di vizio, violenza e sogni infranti. Così com’è infranto il sogno di un amore autentico, confuso con la trasgressione di un’ora e l’auspicata ricerca di una relazione stabile oltre il Continente sulle bianche scogliere di Dover. 

Un monologo che trascina lo spettatore proiettandolo attraverso luoghi fisici e mentali, discorsi aberranti, fisicità prorompenti, afflati triviali e umori dilaganti, per un senso di straniamento e coinvolgimento che accompagnerà lo spettatore sino alla fine, in un dualistico vortice di emozioni tra il raccapriccio e la compassione. 

Un carrozzone napoletano, che esalta, commuove, disgusta ma tocca le corde dell’animo umano, come solo un grande interprete può fare, esaltando un testo liquido “giocato tra la compassione e l’ironia”, esemplificativo di un’epoca, una temperie storica, una città metafisica, ingombrante: indimenticabile.

Dall’11 al 29 aprile

Scende giù per Toledo

di Giuseppe Patroni Griffi

diretto e interpretato da Arturo Cirillo

Scene Dario Gessati

Costumi Gianluigi Falaschi

musiche originali Francesco De Melis

Luci Mauro Marasà

regista assistente Roberto Capasso

Produzione Marche Teatro

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]