Lunedì, 16 Aprile 2018 21:51

“Scende giù per Toledo”: l’umanità frastagliata di Patroni Griffi scuote il Piccolo Eliseo

Scritto da

Coinvolge e appassiona “Scende giù per Toledo”: monologo tratto dal racconto di Giuseppe Patroni Griffi del 1975, in scena al Piccolo Eliseo con Arturo Cirillo, nel duplice ruolo di attore e regista. 

Un’umanità derelitta sostenuta dalla flebile speranza di un “amore assoluto”: è questa Rosalinda Sprint, un transessuale napoletano, il cosiddetto “femminiello” che in tacchi a spillo, capelli gialli e minigonna inguinale “scende giù per via Toledo e va di fretta, è in ritardo col sarto e deve andare da Marlene Dietrich, fra mezz’ora e quella non aspetta”. Un’ironia malinconica come lo sguardo di Rosalinda, interpretata magistralmente da Arturo Cirillo, che solo dà forma a un’umanità frastagliata: la maitresse trans alias Marlene Dietrich, altre “prostitute” Maria Callas e Viacolvento, la Contessa “spiaggiata”, il bambino garzone, l’amato Gaetano e il feroce cugino. 

Un modo di fare naif quello di Rosalinda - esaltato dalla cifra distintiva di Cirillo – che è approdata a Montecalvario dai bassi napoletani per sfuggire al padre che le dava del “ricchione”, per rifugiarsi in una Napoli parallela, notturna, crudele, fatta di vizio, violenza e sogni infranti. Così com’è infranto il sogno di un amore autentico, confuso con la trasgressione di un’ora e l’auspicata ricerca di una relazione stabile oltre il Continente sulle bianche scogliere di Dover. 

Un monologo che trascina lo spettatore proiettandolo attraverso luoghi fisici e mentali, discorsi aberranti, fisicità prorompenti, afflati triviali e umori dilaganti, per un senso di straniamento e coinvolgimento che accompagnerà lo spettatore sino alla fine, in un dualistico vortice di emozioni tra il raccapriccio e la compassione. 

Un carrozzone napoletano, che esalta, commuove, disgusta ma tocca le corde dell’animo umano, come solo un grande interprete può fare, esaltando un testo liquido “giocato tra la compassione e l’ironia”, esemplificativo di un’epoca, una temperie storica, una città metafisica, ingombrante: indimenticabile.

Dall’11 al 29 aprile

Scende giù per Toledo

di Giuseppe Patroni Griffi

diretto e interpretato da Arturo Cirillo

Scene Dario Gessati

Costumi Gianluigi Falaschi

musiche originali Francesco De Melis

Luci Mauro Marasà

regista assistente Roberto Capasso

Produzione Marche Teatro

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]