Mercoledì, 31 Ottobre 2018 08:18

Teatro Quirino. “Il fu Mattia Pascal” di Luigi Pirandello 6 -18 novembre

Scritto da

ROMA – Note di regia: “Tre personaggi: Mattia Pascal, Adriano Meis, il redivivo Mattia Pascal. La Morte dell’identità delle maschere nude.

La rinascita attraverso qualcosa di nuovo: l’umorismo. La decomposizione della morte nella vita.  La semplicità che serve la complessità è la scelta estetica e registica della messinscena del romanzo di Pirandello, così come per i tanti testi pirandelliani già realizzati.È la stessa lingua che lo impone. È la complessità filosofica che lo esige. È il profondo sentire che ritrovo in Pirandello ad avermi sempre consentito di esprimere le geometrie e i ritmi serrati che sono alla base del mio concetto di regia. L’adozione di una recitazione lineare, l’essenzialità del messaggio drammaturgico in questo Il Fu Mattia Pascal servono ad assegnare ai tre personaggi, tre punti di vista delle diverse vicende. È uno stare in equilibrio di Mattia sulla scena. I portali del baratro sono sempre in azione. Si aprono e si chiudono su ricordi, incubi, amori, malumori, famiglie, donne, città. Un’acrobazia della coscienza sull’incoscienza, della Morte sulla vita. Ed è in questi azzardi di Mattia che cadono gli altri personaggi: tutti traditi e traditori. Vittime e carnefici impastati. E allora Mattia è un codardo o è un eroe negativo? È Mattia Pascal e si tiene in bilico … con il rischio di cadere sempre giù”. Guglielmo Ferro. 

Teatro Quirino di ROMA

6.18 novembre

Arca Azzurra Teatro   La Contrada Teatro Stabile di Trieste   ABC Produzioni

DANIELE PECCI

con

ROSARIO COPPOLINO e con MARIA ROSARIA CARLI

IL FU MATTIA PASCAL

di Luigi Pirandello

adattamento di Daniele Pecci

e con

Giovanni Maria Briganti  Adriano Giraldi  Diana Höbel

Marzia Postogna  Vincenzo Volo

scene Salvo Manciagli

costumi Françoise Raybaud

musiche Massimiliano Pace

regia GUGLIELMO FERRO

personaggi e interpreti

Mattia Pascal Daniele Pecci

Don Eligio / Anselmo Paleari Rosario Coppolino

Batta Malagna / Pantegada Adriano Giraldi

La vedova Pescatore / la signorina Caporale Diana Höbel

Romilda Pescatore / Adriana Paleari Marzia Postogna

Pomino / giovinetto al casinò Giovanni Maria Briganti

Terenzio Scipione Vincenzo Volo

Pepita / La donna del casinò Maria Rosaria Carli

Lo spettacolo ha una durata di 2 ore incluso intervallo

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]