Martedì, 07 Maggio 2019 11:05

Pet sematary, Il cimitero degli animali, da un romanzo di Stephen King

Scritto da

Pet sematary, ovvero il Cimitero degli animali, di Dennis Widmyer è il secondo adattamento cinematografico, dopo quello del 1989 diretto da Mary Lambert, del libro omonimo di Stephen King a sua volta ispirato al racconto popolare “La zampa di scimmia”.

Il grande scrittore horror raccontava che il dottor Luis Creed, accettato l’incarico di direttore sanitario dell’università del Maine, si stabiliva in una suggestiva villa accanto a un bosco dove avrebbe vissuto insieme alla moglie, i suoi due bambini e il gatto Church. Presto però una serie di episodi inquietanti avrebbero sconvolto l’esistenza della famiglia Creed: giganteschi camion sfreccianti davanti casa pronti a investire chiunque; nel cuore della boscaglia un cimitero dove i bambini seppellivano gli animali e, nel cimitero, un segreto raggelante custodito da un vicino di casa che, una volta conosciuto da Louis Creed, avrebbe cambiato il destino del nucleo familiare … 

La versione di Dennis Widmyer segue il libro fino a un certo punto per finire con il trasformare la vicenda  e i suoi personaggi in un modo che, chi conosce la trama originaria, potrebbe anche non apprezzare.  Questo horror, fra i più attesi dell’anno, racconta comunque una storia nera che è anche una riflessione sulla morte e sulla necessità d’essere approdo naturale, una volta per sempre. Il lutto è difficile da elaborate e molti farebbero qualsiasi cosa pur di far tornare una persona cara dall’al di là, ma siamo sicuri che la morte non sia invece una soluzione da rispettare? Il film, ovviamente creato per suscitare paura, ha molti luoghi comuni e dejà vu, inadatti a suscitare emozioni in chi ha occhi smaliziati. Diversa cosa è per gli adolescenti che amino il genere, a loro potrebbe piacere moltissimo. Tra tutti gli attori che in Pet Semetary recitano professionalmente senza brillare, rimane impresso il gatto Church che, con la sua aria impassibile e misteriosa, gli occhi gialli a tratti infidi, le soffiate improvvise e feroci, sembra destinato a diventare un’icona cult.

  • DATA USCITA: 09 maggio 2019
  • GENERE: Horror
  • ANNO: 2019
  • REGIA: Dennis Widmyer
  • ATTORI: Jason Clarke, John Lithgow, Amy Seimetz, Hugo Lavoie, Maria Herrera, Jeté Laurence, Lucas Lavoie, Alyssa Brooke Levine, Obssa Ahmed
  • PAESE: USA
  • DURATA: 101 Min
  • DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox Italia
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La riscossa dell'avvenire

Alle donne Che sono le fondamenta della società

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Rosa del deserto

Il muezzin cantilenando va le sue preghiere.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]