1111.jpg

 

Sabato, 14 Maggio 2016 22:31

Cannes 69. Money monster. Thriller di ritmo e significato. Recensione

Scritto da

CANNES - Lee Gates (George Clooney), conduttore di uno show televisivo,  consiglia investimenti in borsa,  tra siparietti, pajettes e gag.

Di quello che possono guadagnare o perdere in termini economici i suoi telespettatori non si è mai curato, sino a quando un certo Kyle Budwell, (Jack O'Connell) irrompe negli studios in diretta, gli punta una pistola alla testa e minaccia di farlo saltare in aria perché, avendo seguito i suoi consigli, si è ridotto sul lastrico. Da quel momento il programma televisivo si fa inedito, la trasmissione live – sotto la guida vigile della regista Patty Fenn (Julia Roberts) – è una narrazione piena di suspense, tesa a chiarire all’attentatore (nonché allo spettatore) i meccanismi fraudolenti della finanza virtuale, al fine di salvare la vita alla star televisiva.

Il film  è diretto da Jodie Foster -  attrice navigata, vincitrice di due premi Oscar, tre Golden Globe, tre BAFTA e uno Screen Actors Guild Award - e la consacra all’olimpo dei registi di talento. La Foster è infatti riuscita in una impresa non facile:  rendere chiaro al pubblico che la speculazione finanziaria, attraverso complicatissimi ''algoritmi''  alla base delle fluttuazioni in borsa,  fa transitare ingenti capitali da un capo all'altro del pianeta senza che nessun '' investitore'' possa realmente conoscere le cause dell’ andamento al rialzo o al ribasso di un titolo.

“Money monster – L’altra faccia del danaro”  è un thriller di ritmo e significato, interpretato da un cast di grandi star, riesce a coniugare la piacevolezza del genere con l’interesse per contenuti che rimandano alle difficoltà odierne.  Dipinge con pennellate veloci e sapienti la comunicazione globale, la connessione continua tra mondi opposti nei quali a volte la vita, a caso, rende alcuni protagonisti, eroi e vittime.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]