Lunedì, 12 Novembre 2012 08:33

RomaFilmFest. 1942. A sorpresa un potente film storico cinese. Recensione.Trailer

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA – E’ ”1942” di Fiang Xiaogang – tratto dal libro “Remembering 1942 di Liu Zhenyun – il film sorpresa del RomaFilmFest 2012 presentato oggi in Concorso. Un film al di là della tradizione   muelleriana, che la stampa sembra gradire. Racconta un fatto storico ignorato,  che ci fa rileggere la contemporaneità.


 In Cina, nella provincia dell’Henan,  una carestia assoluta mette in ginocchio il paese. La guerra con il Giappone e l’esercito nazionalista dell’Henan dirottano le provviste ai soli militari e lasciano la popolazione senza pane. I civili decidono allora di migrare verso lo Shaanxi, viaggio terribile nel quale perdono la vita tre milioni di persone. Il racconto storico di Fiang Xiaogang si snoda attorno a dei precisi caratteri che riassumono l’intero dramma: il proprietario terriero Fan (Shang Guoli), il fidato servitore Shuang Zhau (Zhang Mo),  il giornalista americano Theodore White (il premio Oscar Adrian Brody,  atteso sul red carpet), lo chef diventato giudice Old Ma (Fan Wei),  Padre Simeone (Zhang Hanyu), la cui fede vacilla e si rivolge al padre Thomas Megan (Tim Robbins). I contrasti etico-culturali   riassunti nella figura esistita  del reporter del Time Magazine, Theodore White, interpretato da un Brody, che mette al servizio della nobiltà del personaggio grandi doti interpretative.


La guerra, dice lo sceneggiatore del film, viene così raccontata da diversi punti di vista”quello degli sfollati, del governo, degli invasori giapponesi, della religione e così via”. Un viaggio alla scoperta di una verità nascosta che fa inorridire e commuovere. "Ho tentato di fare questo film nel 2000, poi nel 2002 e, infine, nel 2010 e solo allora ce l'hanno fatto fare". Il regista lo dice perché si legga: questo kolossal epico ha dato fastidio alle autorità cinesi. “La difficoltà più grande è stata quella di trasformare un linguaggio letterario in quello cinematografico. Il libro aveva uno scopo d’indagine. Non aveva una trama, né personaggi” – racconta Xiaogang che ha trasposto un  tema di non facile digeribilità con grande talento e scorrevolezza narrativa. “1942”  è un lavoro sperimentale.  Feng Xiaogang ha lasciato le strade commerciali che sbancano i botteghini cinesi, per orientarsi verso un’opera impegnativa,  difficile , che cambia la nostra visione interiore della storia e dell’uomo.

Altri membri del cast sono: Xu Fan, Zhang Guoli, Zhang Hanyu, Fiona Wang, Tim Robbins, Zhang Mo e Fan Wei.

1942 - trailer

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Verso l'eternità

Prigionieri nei limiti del tempo  accettiamo la vita  con l’angoscia  che tutto è temporale  non eterno. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

L'angolo dei classici

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]