Sabato, 28 Ottobre 2017 18:33

Roma Film Fest. “Detroit”, film potente contro il virus del razzismo. Recensione

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA – Uno dei primi film della festa del cinema di Roma ha una funzione catartica e educativa, anticorpo ai pericoli innescati oggi dall’odio assurdo verso l’immigrazione. La regista Katryn Bigelow e lo sceneggiatore Mark Boal, entrambi premi Oscar, bilanciando sapientemente l’aspetto del reportage alla narrativa, hanno creato a un lungometraggio che vuole ristabilire la verità su un episodio criminale, a sfondo razzista, della polizia di Detroit, evento che ha segnato vergognosamente la storia degli Stati Uniti. 

Nell’estate del 1967 Detroit è a ferro e fuoco.  Gli immigrati afroamericani dopo decenni di vessazioni, promesse mancate e negligenza, sono esplosi in una guerriglia sediziosa. La risposta militare non fa che aumentare la spirale di violenza. Larry Reed, che tuttora vive a Detroit e nel film è interpretato da Algee Smith, canta nei Dramatics, un gruppo di neri che in una notte di luglio avrebbero dovuto esibirsi in un teatro ascoltati dai rappresentanti di un’importante casa discografica. Lo spettacolo però è interrotto e gli spettatori fatti evacuare perché c’è una sommossa. I musicisti riparano al Motel Algiers, dove incontrano due giovani bianche e altri ragazzi di colore ai quali si uniscono per passare la serata. Uno degli afroamericani da una finestra spara con una pistola giocattolo contro la Guardia Nazionale, ignaro della tragedia che si sarebbe scatenata …

Per ricostruire gli avvenimenti storici, la regista ha rintracciato il vero Larry Reed, protagonista che non aveva mai parlato prima; ha ascoltato decine di testimoni, tra cui tre vittime presenti alla mattanza. La Bigelow compone un film avvincente nel quale racconta i torti di entrambe le parti e mostra come la combinazione tra caos e potere diventi una miccia incendiaria. Il risultato è un’opera grande, che emoziona nel profondo, spinge a interrogarsi sulla maturità del nostro tempo e, proprio per questo, negli Stati Uniti non è stata amata. Anche da noi non sono pochi i critici che ritengono questa pellicola tendenziosa, forse perché la difesa di confine è più sottile e diffusa di quello che si crede: risiede in ogni uomo che rimuove ciò che sta oltre la superficie delle cose, in particolar medo se ci sono analogie col presente. 

  • DATA USCITA: Novembre 2017
  • GENEREDrammaticoStoricoThriller
  • ANNO2017
  • REGIAKathryn Bigelow
  • ATTORIJohn BoyegaWill PoulterAnthony MackieHannah MurrayJack ReynorJohn KrasinskiKaitlyn DeverTyler James WilliamsJason Mitchell
  • PAESE: USA
  • DURATA: 143 Min
  • DISTRIBUZIONE: Eagle Pictures
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Damar

(A Stefano. Il ricordo è un piccolo granello che riempie lo spazio dell'assenza)

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Europa

Resisti mia bella Europa verdeggiante culla dei secoli.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

L'angolo dei classici

Opinioni

Fertilità. L’orologio biologico non segue i nostri comodi

Convegno Rotary con il dottor  Alberto Vaiarelli, specialista di medicina della riproduzione, fondatore di ”Idee fertili”

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]