Super

Super

GINEVRA - Una denuncia drammatica quella che giunge oggi dalla Nazioni Unite e che ha portato alla luce fatti davvero atroci commessi dall’Isis nei confronti di bambini.

TARANTO - E’ in corso questa mattina a Taranto una protesta degli autotrasportatori dell'indotto Ilva che vantano crediti per diverse decine di milioni di euro dall'azienda siderurgica ormai in amministrazione straordinaria dal 21 gennaio. Si tratta di un corteo di tir e camion diretto lungo la statale 100 tra Taranto e Bari.

Gli autotrasportatori  hanno deciso di non manifestare nel centro di Taranto,  visti i pesanti problemi sociali della città.  Hanno voluto quinid risparmiare ulteriori disagi alla popolazione. 

BUENOS AIRES - Oltre due mila persone hanno partecipato alla “marcia per la giustizia e contro l’impunità” a Buenos Aires. Chiedono chiarimenti sul caso Alberto Nisman, il Procuratore trovato morto il 18 gennaio.

Giovedì, 05 Febbraio 2015 09:49

Giornata contro gli sprechi alimentari

ROMA - Oggi si celebra la seconda Giornata di prevenzione dello spreco alimentare in Italia, istituita nel 2013 dal ministero dell'Ambiente non solo per recuperare lo spreco alimentare ma soprattutto per ''prevenirlo''. "Lo spreco alimentare, infatti, non e'' solo un problema di alimenti ma anche di impatti sulla biodiversità e sul clima", un allarme che il Wwf rilancia nell'anno che vedrà il Vertice mondiale di Parigi come momento clou per gli impegni di riduzione delle emissioni di CO2 al livello globale. I dati del rapporto ''Food wastage footprint. Impacts on natural resources'' realizzato dal Dipartimento di gestione ambientale e delle risorse naturali della Fao nel 2013, segnalano, infatti, che l'impronta di carbonio del cibo prodotto ma non mangiato e quindi sprecato ogni anno, viene stimata in 3,3 miliardi di tonnellate di CO2, una cifra complessiva che inserisce questo sconcertante dato di emissioni di prodotti che non vengono neanche utilizzati, al terzo posto nella classifica dei maggiori emettitori di CO2 a livello mondiale dopo Cina e Stati Uniti. - Circolo vizioso tra spreco cibo, perdita biodiversità e cambiamenti climatici: questo, rileva l''Associazione del Panda, è un circolo vizioso perché secondo studi recenti, il cambiamento climatico a sua volta potrebbe ridurre la produttività agricola, diminuendo le disponibilità alimentari globali e danneggiando le popolazioni più povere e le famiglie che basano il proprio reddito sulle colture, l'allevamento del bestiame e la pesca".

Il Wwf prosegue, a proposito della seconda Giornata di prevenzione dello spreco alimentare: - Anche le risorse idriche subiscono l'effetto ''spreco'': globalmente il consumo di acqua blu (un elemento importante dell'impronta idrica che riguarda l''acqua dolce prelevata dalla superficie o dalle falde e utilizzata, ad esempio, per scopi agricoli, come l''irrigazione) cheè collegato allo spreco alimentare e'' di circa 250 km cubici, equivalenti al flusso annuale d''acqua del Volga oppure a tre volte il volume delle acque del lago di Ginevra. Il cibo prodotto e sprecato occupa quasi 1.4 miliardi di ettari di terra, costituendo il 30% della superficie occupata da terre agricole a livello mondiale. E' difficile stimare l'impatto sulla biodiversità dello spreco alimentare a livello globale, comunque gli effetti negativi dell''espansione agricola e delle coltivazioni estensive e'' tale sulla frammentazione degli habitat e sulla perdita di biodiversita'' che appare veramente assurdo che una parte importante di quanto prodotto, con significativi impatti ambientali, vada addirittura sprecato. - Il peso ambientale dello spreco: La responsabilità è dei consumatori, che spendono in media 316 euro l'anno in cibo che per disattenzione o negligenza viene buttato senza essere consumato, ma anche di un sistema produttivo che troppo spesso perde cibo e risorse lungo la filiera, fino al 50% delle perdite totali, prima ancora che arrivino in tavola. - La campagna informativa con la gdo e food service: Prosegue la campagna di sensibilizzazione sulla riduzione dello spreco alimentare domestico con iniziative in punto vendita e sul web promossa da Auchan e Simply, Ikea e Autogrill.

Coldiretti, si spreca meno ma c'è ancora molto da fare

Sei italiani su dieci (60 per cento) hanno diminuito o annullato gli sprechi domestici nel 2014 secondo una tendenza favorita dalla crisi ma molto resta da fare con ogni italiano che ha comunque buttato nel bidone della spazzatura ben 76 chili di prodotti alimentari durante l’anno. E’ quanto emerge dall’indagine Coldiretti/Ixe’ divulgata in occasione della giornata di prevenzione dello spreco alimentare in Italia, istituita dal ministero dell`ambiente.

Secondo l’indagine Coldiretti/Ixè, tra chi ha tagliato gli sprechi, il 75 per cento fa la spesa in modo piu’ oculato,  il 56 per cento utilizzando gli avanzi nel pasto successivo, il 37 riducendo le quantità acquistate, il 34 per cento guardando con più attenzione la data di scadenza e l’11 per cento donando in beneficenza.

La tendenza a ridurre gli sprechi cresce anche fuori dalle mura domestiche con un italiano su tre (33 per cento) che quando esce dal ristorante non ha problemi a portarsi a casa gli avanzi con la cosiddetta “doggy bag” anche se tra questi, solo il 10 per cento lo fa regolarmente, mentre il 23 per cento solo qualche volta, secondo l’indagine indicativa on line condotta dal sito www.coldiretti.it  dalla quale si evidenzia, peraltro, che una fetta rilevante della popolazione (24 per cento) quando va a mangiare fuori lascia sulla tavola gli avanzi semplicemente perché si vergogna di chiederli. La ristorazione comunque si attrezza e in un numero crescente di esercizi, per evitare imbarazzi, si chiede riservatamente al cliente se desidera portare a casa il cibo o anche le bottiglie di vino non finite e si mettono a disposizione confezioni o vaschette ad hoc.  Si moltiplicano peraltro – continua la Coldiretti - le iniziative per la raccolta dei cibi avanzati in ristoranti, mense e pizzerie ma anche di prodotti vicini alla scadenza offerti da negozi e supermercati da destinare ai piu’ bisognosi.

A livella mondiale un terzo del cibo prodotto viene sprecato per un totale di 1,3 miliardi di tonnellate che sarebbero ampiamente sufficienti a sfamare la popolazione che soffre di fame cronica, secondo una analisi della Coldiretti su dati Fao. Gli sprechi alimentari hanno raggiunto le 670 milioni di tonnellate nei paesi industrializzati  e le  630 milioni di tonnellate in quelli in via di sviluppo. Ogni anno – conclude la Coldiretti - , il cibo che viene prodotto, ma non consumato, sperpera un volume di acqua pari al flusso annuo di un fiume come il Volga, utilizza 1,4 miliardi di ettari di terreno - quasi il 30 per cento della superficie agricola mondiale - ed è responsabile della produzione di 3,3 miliardi di tonnellate di gas serra.

ROMA - Proseguono oggi a Taiwan le operazioni di ricerca dei 12 dispersi dopo l’incidente dell’aereo della Trans Asia Airways precipitato in un fiume dopo il decollo. A bordo c’erano 58 persone; 15 sono state estratte vive; 31 i corpi senza vita sinora recuperati.

ROMA - “Colloquio fruttuoso”. Così il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis ha descritto l’incontro con Mario Draghi. La sua ricerca di sostenitori per un nuovo accordo sul debito mercoledì lo ha portato alla Banca centrale europea.

ROMA - Nei decreti attuativi del Jobs act non si deve "far finta di cambiare con qualche artificio" ma bisogna eliminare le forme di lavoro più precarizzanti. Lo sottolinea la leader della Cgil Susanna Camusso, a margine di un convegno al Cnel.

Mercoledì, 04 Febbraio 2015 17:54

Tutto pronto per la Berlinale. VIDEO

BERLINO - “Donne forti in situazioni estreme” è il motto dei film in concorso quest’anno alla 65/ma edizione della Berlinale. Ma intanto si vendono i biglietti per i 14 giorni di settima arte che si succedono dal 5 febbraio.

ROMA - La procura di Roma, dopo aver aperto un fascicolo nel 2011 sulla scomparsa di Ettore Majorana, ha chiesto l'archiviazione. Il geniale fisico era scomparso in circostanze misteriose nel 1938, ma la procura, oggi sostiene che lo scienziato si trovasse, nel periodo tra il 1955 e il 1959, volontariamente, nella città venezuelana di Valencia. 

BRUXELLES - Sono ripresi a Bruxelles i negoziati sul trattato di libero scambio con gli Stati Uniti, e sono riprese le proteste contro un accordo, considerato da alcuni un vero e proprio cavallo di Troia contro gli standard di qualità europei.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]