Martedì, 09 Luglio 2013 11:04

Crisi. La situazione delle famiglie è peggiore di quella descritta dall'Istat

Scritto da

ROMA - Riteniamo eccessivamente ottimisti i dati diffusi oggi dall’Istat sulle condizioni delle famiglie. Potere di acquisto in rialzo, propensione al risparmio in ripresa e reddito disponibile in aumento: un quadro roseo che, con assoluta certezza, non può riguardare l’Italia. 

La situazione che le famiglie si trovano ad affrontare è il completo opposto, a dimostrarlo sono tutti i principali indicatori economici che illustri centri studi (e la stessa Istat) diffondono periodicamente.
Crollo dei consumi (-7,3% nel biennio 2012-2013), contrazione persino dei consumi alimentari (solo quest’anno -4,5%), aumento delle sofferenze bancarie e dei pignoramenti, produzione industriale ed occupazione in caduta libera. Persino le vendite a saldo, per l’ennesimo anno consecutivo, segnano una forte tendenza al ribasso (-8 -9% secondo le prime stime O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori).  Uno scenario che non lascia intravedere nulla di buono sulle prospettive del Paese e delle famiglie. In tale contesto di certo non aiuta la diffusione di dati fuorvianti e poco attendibili, nel tentativo di infondere un improbabile ottimismo che le famiglie, in un momento come questo, difficilmente si possono permettere.
L’unica operazione in grado di restituire realmente speranza e fiducia ai cittadini è il superamento dell’insostenibile clima di incertezza nel quale vivono. Incertezza che investe specialmente i disegni del Governo relativi a IMU, IVA e Tares.
Una condizione di preoccupazione ed angoscia che pesa in maniera sempre più incisiva sull’andamento dei consumi, sulle abitudini e sui progetti delle famiglie.
Per questo è necessario avviare delle misure concrete tese a: eliminare definitivamente l’aumento dell’IVA, cancellare l’IMU sulla prima casa (fatta eccezione per le dimore di lusso), rinviare l’applicazione della Tares al prossimo anno.
Inoltre è fondamentale disporre un concreto piano di rilancio, improntato al sostegno del potere di acquisto delle famiglie a reddito fisso (attraverso un processo di detassazione) ed alla ripresa degli investimenti per lo sviluppo e la ricerca.
Solo dopo l’introduzione di tali misure si potranno intravedere, finalmente, i primi segnali positivi prematuramente annunciati oggi dall’Istat.   

Rosario Trefiletti

Presidente di Federconsumatori

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]