Sabato, 21 Dicembre 2013 13:03

Tasi, con aliquota al 3,5 per mille rischiamo nuovi rincari

Scritto da

Appello di Bortolussi ai sindaci: "Salvaguardate le famiglie più numerose"

 

VENEZIA - Il pericolo c’è: con l’opportunità di elevare fino al 3,5 per mille l’aliquota della Tasi ( Tributo sui servizi indivisibili) sulla prima casa, corriamo il rischio che nel 2014 le famiglie subiscano nuovi rincari.  A dirlo è la CGIA che invita i Sindaci a fare molta attenzione.

 

“Viste le difficoltà economiche in cui versano – dichiara Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA - è facile ipotizzare che molti Comuni saranno costretti ad aumentare l’aliquota della Tasi fino al nuovo picco massimo, con il pericolo di penalizzare oltre modo le famiglie più numerose”. Nelle simulazioni effettuate dalla CGIA, il probabile aumento delle detrazioni fino a 1,3 miliardi di euro consentirà uno sconto medio su tutte le  prime abitazioni pari a 66 euro, contro i 200 euro - ai quali si aggiungevano altri 50 euro per ogni figlio - concessi dall’Imu nella versione 2012. Visto che la base imponibile della Tasi è la stessa dell’Imu, i rincari previsti nel 2014 rischiano di essere pesanti, soprattutto per le famiglie numerose.

Per un nucleo con tre figli e una abitazione civile di tipo A2 (con rendita catastale di 620 euro circa), già con un’aliquota al 2 per mille subirà un aumento di 29 euro. Nell’ipotesi che l’aliquota salga al 3,5 per mille, l’aggravio, rispetto a quando si pagava l’Imu, sarà, di 186 euro. Le cose andranno addirittura peggio per le famiglie proprietarie di abitazioni civili A3 (cioè di minor pregio rispetto a quelle classificate A2). Già con l’aliquota all’1,5 per mille, il rincaro sarà di 40 euro. Se, poi,  il Comune deciderà di alzarla al 3,5 per mille, l’aggravio sarà di 182 euro.

“Certo – commenta il segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi – i Sindaci avranno la possibilità di regolare con ampia autonomia il sistema delle detrazioni. Per questo li invitiamo a intervenire in difesa delle famiglie più numerose e nei confronti dei proprietari delle abitazioni con le rendite catastali più basse.  Se ciò non avverrà, saranno proprio questi soggetti a pagare il conto più salato”.

Al di là di queste considerazioni, Bortolussi ne solleva un’altra:

“Premesso che nella confusione di questi giorni forse la cosa è semplicemente sfuggita, rimane da chiarire un punto. Se con l’innalzamento delle detrazioni fino a  1,3 miliardi di euro la Tasi diventerà meno pesante, dove troveranno gli 800 milioni di risorse aggiuntive che metteranno  a disposizione, visto che non sono riusciti a trovarne nemmeno la metà  per evitare il pagamento della mini-Imu ?”

Mestre 21-12-2013

 

CONFRONTO IMU (2012) E TASI (2014)

 

 

Abitazione principale di tipo civile categoria A2, rendita catastale 621 €

CASO 1 detrazione IMU 200 euro + 50 euro a figlio convivente, detrazione TASI 66 euro

Tributi

IMU

(2012)

TASI (2014)

Aliquote

 

1‰

1,5‰

2‰

2,5‰

3,5‰

IMU

263

38

91

143

195

299

   IMU con 1 figlio

213

   IMU con 2 figli

163

   IMU con 3 figli

113

 

 

 

 

 

 

 

Con la TASI paga in più (+) o in meno (-)

 

 

 

 

rispetto all’ IMU senza figli

-225

-173

-121

-68

+36

   con 1 figlio

-175

-123

-71

-18

+86

   con 2 figli

-125

-73

-21

+32

+136

   con 3 figli

-75

-23

+29

+82

+186

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA

 

 

 

 

 

 

Abitazione principale di tipo civile categoria A3, rendita catastale 422 €

CASO 2 detrazione IMU 200 euro + 50 euro a figlio convivente, detrazione TASI 66 euro

Tributi

IMU

(2012)

TASI (2014)

Aliquote

1‰

1,5‰

2‰

2,5‰

3,5‰

IMU

115

5

40

76

111

182

   IMU con 1 figlio

65

   IMU con 2 figli

15

   IMU con 3 figli

0

 

 

 

 

 

 

 

Con la TASI paga in più (+) o in meno (-)

 

 

 

rispetto all’IMU senza figli

 

-110

-74

-39

-3

+67

   con 1 figlio

 

-60

-24

+11

+47

+117

   con 2 figli

 

-10

+26

+61

+97

+167

   con 3 figli

+5

+40

+76

+111

+182

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA

 

Nota: in entrambe le simulazioni l’IMU è stata calcolato con aliquota del 4,44 per mille, aliquota media applicata nel 2012 sulle abitazioni principali. La detrazione TASI è stata stimata in 1,3 miliardi di euro, questo importo è stato spalmato su tutte le abitazioni principali. Si è ipotizzato anche il caso in cui i Comuni siano autorizzati ad incrementare l’aliquota TASI oltre la soglia del 2,5 per mille.

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]