Sabato, 06 Giugno 2015 10:54

In arrivo lo spauracchio della Tasi

Scritto da

I comuni con la prima rata incasseranno 2,3 miliardi di euro

VENEZIA - Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno circa 2,3 miliardi di euro, di cui 1,6 relativi alla prima abitazione.  

La CGIA ricorda che quest’anno i Sindaci hanno tempo sino al prossimo 30 luglio, termine di approvazione del bilancio comunale di previsione, per decidere le aliquote, le detrazioni e le tariffe dei tributi locali. 

Allo stato attuale (primi giorni di giugno), solamente un migliaio di Amministrazioni comunali, pari al 14 per cento del totale, ha provveduto a deliberare le aliquote e le detrazioni della Tasi per l’anno in corso. Per il pagamento della prima rata, i proprietari degli immobili ubicati in quei Comuni che non hanno ancora deliberato le nuove aliquote (circa 7.000) pagheranno la metà di quanto versato l’anno scorso: il conguaglio verrà effettuato solo con il saldo di dicembre. 

Alla luce di tutto ciò, visto che nel 2014 i Sindaci hanno incassato dalla Tasi circa 4,6 miliardi di euro, di cui 3,3 miliardi relativi all’abitazione principale, è possibile stimare che i contribuenti verseranno il prossimo 16 giugno circa la metà di quanto pagato complessivamente l’anno scorso, ovvero 2,3 miliardi, di cui 1,6 relativi alla prima casa. 

“Nonostante la legge abbia dato la facoltà ai Comuni di inviare da quest’anno ai contribuenti i modelli per il pagamento della Tasi già compilati – segnala il segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi - rileviamo che sono pochi gli enti locali che si sono attivati per agevolare i propri residenti. Nella maggior parte dei casi, anche quest’anno i proprietari di prima casa sono stati abbandonati a loro stessi”.

Per contro, c’è comunque una novità dell’ultima ora senz’altro positiva. 

“Sembra che il Governo si appresti a stanziare 500 milioni di euro da destinare al finanziamento delle detrazioni e agevolazioni Tasi a favore delle famiglie – conclude Bortolussi - Sebbene sia una cifra inferiore di 125 milioni a quella messa a disposizione nel 2014, per i nuclei famigliari con maggiori difficoltà costituisce comunque una preziosa boccata d’ossigeno. I Sindaci potranno beneficare di queste risorse per non inasprire il prelievo fiscale rispetto al livello chiesto nel 2014”.

Nella tabella riportata più sotto è stato calcolato l’importo della prima rata della Tasi su un’abitazione principale. La rata è stata calcolata utilizzando le aliquote e le detrazioni vigenti per il 2014, a meno che l’ente locale non abbia già deciso le aliquote e le detrazioni per il 2015. In questo caso il calcolo è stato effettuato considerando queste ultime. 

I Comuni capoluogo di provincia che hanno già deliberato per il 2015 sono i seguenti: Ancona, Aosta, Arezzo, Asti, Bologna, Brescia, Cagliari, Enna, Firenze, La Spezia, Livorno, Lodi, Lucca, Mantova, Modena, Padova, Pesaro, Pordenone, Potenza, Reggio Emilia, Rimini, Rovigo, Sassari, Siena, Sondrio, Treviso, Verona, Vibo Valentia.

Nella simulazione sono state considerate le abitazioni di tipo civile (categoria catastale A2) ed economico (categoria catastale A3). Queste 2 categorie messe assieme costituiscono circa il 72 per cento delle unità abitative presenti in Italia. Si è proceduto considerando la rendita catastale media presente in ciascun Comune: si precisa che l’obbiettivo non è di valutare l’operato di ciascuna Amministrazione locale, bensì di fornire una indicazione di massima sull’importo medio che verrà versato dalla maggior parte dei proprietari di prima casa. Infatti, gli importi economicamente più “pesanti” si registrano nelle città in cui le rendite catastali sono più elevate. 

Tuttavia, la situazione di difficoltà in cui versano molti proprietari di prima casa non ha nulla a che vedere con quanto è successo l’anno scorso. 

La CGIA ricorda che solo poco più di 2.100 Comuni decisero di far pagare la prima rata della Tasi entro il 16 giugno 2014, mentre tutte le altre amministrazioni che non avevano deliberato aliquote e detrazioni entro il 23 maggio (poco meno di 6.000), posticiparono la prima rata al 16 ottobre. La scadenza della seconda e ultima rata, invece, era fissata per tutti al 16 dicembre 2014. 

Nel caso in cui entro il 10 settembre 2014 i Sindaci non avessero provveduto a deliberare le aliquote e le detrazioni Tasi, l’imposta era dovuta applicando l’aliquota base pari all’1 per mille e versata in un’unica soluzione con il saldo di fine anno (questa situazione riguardò poco più di 500 amministrazioni).

Anche per il 2015, la Tasi sulla prima casa prevede un’aliquota base dell’1 per mille. Tuttavia, i Sindaci possono azzerarla o aumentarla fino a un livello massimo del 3,3 per mille. Sugli altri immobili – seconde case, uffici, negozi, botteghe, capannoni, etc. – si pagano sia l’Imu sia la Tasi, con un’aliquota complessiva che al massimo può arrivare all’11,4 per mille.

 

Immobili di lusso. Le oltre 70.000 case accatastate nelle categorie di pregio (A1 dimore signorili; A8 ville e A9 castelli) continueranno a pagare l’Imu sulla prima casa, a cui si aggiunge la Tasi. La somma delle aliquote massime Tasi + Imu non può superare il 6 per mille. Questi immobili beneficiano della sola detrazione di 200 euro.

Immobili in affitto. Anche in questo caso si corrisponderà sia l’Imu sia la Tasi con il limite massimo dell’11,4 per mille. L’Imu verrà pagata interamente dal proprietario, mentre la Tasi peserà anche sulle spalle dell’inquilino che dovrà versarne una quota compresa tra il 10 e il 30 per cento, a seconda di quanto disposto nella delibera.

 

Calcolo della Tasi. La base imponibile è la stessa dell’Imu. Si parte dunque dalla rendita catastale, la si rivaluta del 5 per cento e si moltiplica il risultato per il coefficiente che varia in base al tipo di immobile (160 per le abitazioni). Su questo valore si applica l’aliquota comunale, con le eventuali detrazioni.

 

Tasi abitazione principale: pagamento 1° rata entro 16 giugno 

(importi in euro)

Comune

1° rata
abitazioni di tipo civile

(A2)

1° rata
abitazioni di tipo economico

(A3)

Agrigento

141,1

27,8

Alessandria

124,4

73,5

Ancona

192,8

123,7

Aosta

72,9

38,3

Arezzo

98,5

21,2

Ascoli Piceno

88,5

0,0

Asti

17,9

0,0

Avellino

114,1

120,1

Bari

274,9

154,7

Belluno

105,4

71,7

Benevento

168,5

124,0

Bergamo

142,6

73,4

Biella

121,3

25,6

Bologna

431,6

171,8

Brescia

122,7

0,0

Brindisi

8,1

0,0

Cagliari

190,5

39,2

Caltanissetta

97,4

66,4

Campobasso

141,9

98,9

Caserta

156,7

95,8

Catania

196,3

100,8

Catanzaro

44,7

29,0

Chieti

139,5

91,6

Como

224,5

80,1

Cosenza

143,8

32,7

Cremona

89,4

25,8

Crotone

36,8

26,6

Cuneo

87,1

27,0

Enna

103,8

69,9

Ferrara

194,8

96,1

Firenze

196,6

145,1

Foggia

297,9

166,3

Forlì

162,6

103,9

Frosinone

117,6

90,9

Genova

330,5

140,1

Gorizia

75,3

2,1

Grosseto

128,8

98,6

Imperia

138,9

40,3

Isernia

170,7

73,5

L'Aquila

92,9

66,6

La Spezia

198,0

59,2

Latina

84,1

26,0

Lecce

245,2

95,0

Lecco

180,9

46,2

Livorno

192,3

77,0

Lodi

161,0

35,6

Lucca

200,9

83,2

Macerata

97,6

45,7

Mantova

133,8

62,3

Massa

168,7

36,8

Matera

56,0

34,2

Messina

102,9

117,8

Milano

310,9

135,5

Modena

164,3

38,1

Napoli

207,1

90,3

Novara

135,3

86,8

Nuoro

54,9

26,8

Oristano

61,9

36,3

Padova

213,4

126,1

Palermo

117,5

40,5

Parma

178,5

70,8

Pavia

275,4

17,2

Perugia

153,7

62,9

Pesaro

82,4

58,9

Pescara

141,8

88,1

Piacenza

130,4

40,1

Pisa

182,0

35,3

Pistoia

168,8

87,7

Pordenone

85,3

58,8

Potenza

77,0

38,2

Prato

196,2

118,3

Ravenna

119,2

76,4

Reggio Calabria

139,7

83,1

Reggio Emilia

111,0

16,5

Rieti

137,4

83,7

Rimini

253,7

97,5

Roma

238,1

169,5

Rovigo

105,2

70,5

Salerno

207,9

102,8

Sassari

166,7

71,8

Savona

135,4

70,5

Siena

214,6

103,9

Siracusa

161,6

104,2

Sondrio

91,6

47,9

Taranto

146,6

61,4

Teramo

159,1

47,6

Terni

75,3

26,7

Torino

342,0

115,1

Trapani

82,2

48,5

Treviso

6,4

0,0

Trieste

262,4

86,2

Udine

118,8

70,9

Varese

121,7

69,7

Venezia

201,9

96,1

Verbania

160,3

40,0

Vercelli

170,8

102,4

Verona

134,8

62,1

Vibo Valentia

134,9

69,6

Vicenza

92,1

29,9

Viterbo

70,8

21,0

Elaborazione Ufficio Studi CGIA

Nota: gli importi della prima rata sono riferiti alle aliquote e alle detrazioni applicare nel 2014. Tuttavia, nel caso in cui i Comuni  abbiano già stabilito le aliquote e le detrazioni per il 2015 è stato possibile effettuare il calcolo utilizzando queste ultime (*). Nella tabella si espone per ogni Comune capoluogo di provincia l’importo medio che verrà pagato dalle famiglie. Nel nostro caso si è considerato un nucleo familiare composto da una coppia con un figlio. I calcoli sono effettuati prendendo come riferimento un’abitazione di tipo civile (categoria A2) e un’abitazione di tipo economico (categoria A3). Per ogni capoluogo di provincia si è considerata la rendita catastale media risultante dalla banca dati catastale.

(*) I Comuni che hanno deliberato nel 2015 sono: Ancona, Aosta, Arezzo, Asti, Bologna, Brescia, Cagliari, Enna, Firenze, La Spezia, Livorno, Lodi, Lucca, Mantova, Modena, Padova, Pesaro, Pordenone, Potenza, Reggio Emilia, Rimini, Rovigo, Sassari, Siena, Sondrio, Treviso, Verona, Vibo Valentia.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]