Lunedì, 15 Febbraio 2016 07:21

Modalità di rimborso cessione quinto

Scritto da

Modalità di rimborso cessione quinto, differenze con altri finanziamenti

La cessione del quinto è una metodologia di prestito che si differenzia dalle altre per la tipologia di rimborso delle rate. Il sistema standard, utilizzato per la maggior parte dei prestiti personali, prevede normalmente l’utilizzo del RID, Rapporto Interbancario Diretto, ossia l’addebito sul conto corrente della rata mensile, oppure il pagamento di bollettini postali precompilati e forniti all’atto della stipula del contratto di finanziamento. Quest’ultimo metodo, in realtà, è sempre meno utilizzato.

Cos’è la cessione del quinto

Come prima cosa è necessario specificare cosa si intende per cessione del quinto. Si tratta infatti di un metodo di finanziamento la cui differenza dalle altre metodologie di credito personale risiede proprio nella tipologia di rimborso delle rate. Questa si realizza mediante diretta trattenuta sulla busta paga del lavoratore oppure sulla pensione percepita dal soggetto che ne ha diritto.

Quest’ultimo caso è molto diffuso, tanto che gli stessi istituti previdenziali hanno introdotto delle formule agevolate per l’accesso al credito da parte dei pensionati. La somma dovuta come rata mensile per il rimborso del prestito così ottenuto è quindi scalata direttamente dal datore di lavoro, nel caso di lavoratore dipendente, oppure dall’ente che si occupa del pagamento delle pensioni, con notevoli vantaggi per il cliente.

Cessione del quinto dello stipendio Inps: prestiti pluriennali garantiti e diretti

Troviamo poi i prestiti pluriennali che a differenza dei piccoli prestiti possono essere erogati sia dall’Inps che da banche in convenzione. I finanziamenti concessi dall’istituto si dicono diretti, mentre gli altri prendono il nome di “prestiti garantiti”. In quest’ultimo caso, infatti, l’Inps garantisce il finanziamento contro i rischi di riduzione dello stipendio, cessazione dal servizio senza diritto alla pensione e decesso dell’iscritto prima dell’estinzione.

Per quanto riguarda i prestiti pluriennali diretti, questi consentono di accedere a somme anche superiori a 10 mila euro e sono erogati solo a fronte specifiche necessità rientranti nelle casistiche del Regolamento Prestiti Inps. Possono ottenere il credito solo dipendenti e pensionati pubblici iscritti al Fondo credito Inps, con un’anzianità di servizio di almeno quattro anni. Il tan è fisso al 3,50%.

Correlati

Cerca nel sito

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni …

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni in un docu-crime di denuncia

Un racconto dettagliato di eccezionale impatto emotivo  rivissuto  dai suoi protagonisti  

Elisabetta Castiglioni - avatar Elisabetta Castiglioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]