Venerdì, 30 Settembre 2011 17:10

Grecia, la lotta e la manovra

Scritto da

ROMA - I cittadini continuano a non digerire le durissime manovre che il Governo, sollecitato o forse costretto dalla trimurti finanziaria (Fmi, Ue e Bce)  vorrebbe imporre, continua anche oggi l'occupazione dei principali ministeri, con la presenza di presidi all'ingresso degli edifici del governo.

E mentre gli ispettori del Fmi e dell'Ue proseguono o cercano di proseguire la serie di incontri, visto che l’incontro al Ministero dei Trasporti risulta al momento rinviato alle 17,  centinaia di impiegati pubblici manifestano nelle strade.
Le richieste sovranazionali sono durissime e vengono ritenute necessarie, da parte di Fmi, UE e Bce per accedere alla sesta tranche del finanziamento, una rata da 8 miliardi di euro che di fatto scongiurerebbe, nell’immediato, il default greco e consentirebbe al governo di Atene di avere la liquidita' necessaria per pagare le sue attivita', compresi gli stipendi dei dipendenti pubblici.

Tra le misure previste dal premier greco, George Papandreou, che in questo momento è ospite del presidente francese Sarkozy cui sta illustrando il piano, c'e' un taglio secco del 20% degli stipendi del pubblico impiego e l'invio tra le riserve di 30 mila lavoratori, questi lavoratori accederebbero cioè ad una sorta di mobilità, anticamera del licenziamento.
All’ordine del giorno dell'incontro della troika al ministero dei Trasporti ci sono le licenze dei tassisti e misure per favorire una maggiore concorrenza nel settore del trasporto urbano. Oltre al blocco davanti al ministero dei Trasporti, altri picchetti sono stati predisposti oggi davanti alle sedi di altri dicasteri ed enti pubblici greci, come il Ministero delle Finanze e l’istituto nazionale di statistica, e ad Atene sono inoltre previste dimostrazioni dei disabili, dei veterani delle forze armate e dei dipendenti degli enti locali.

Una buona notizia arriva intanto da Vienna dove il parlamento austriaco ha  ratificato gli accordi tra governi europei che prevedono, tra l’altro, il potenziamento del fondo salva Stati.
La ratifica austriaca arriva subito dopo quella tedesca e, mentre mancano ormai solo pochi stati all'appello, l'unica vera incognita sembra restare sulla Slovacchia, non per la ratifica in sé ma per la tempistica di tale decisione.
Il sì di Berlino ha però rassicurato gli osservatori sulla possibilità che si proceda effettivamente, ed in tempi rapidi, alla attuazione di un nuovo programma di aiuti alla per Atene.

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]