Venerdì, 10 Dicembre 2010 19:01

Istat. Il decennio perduto dell’Italia

Scritto da

ROMA - Anche il vice direttore generale di Bankitalia Ignazio Visco, in audizione alla Camera dei deputati aveva sottolineato il reale e grave problema dell’Italia di oggi.


"Una crescita soddisfacente e' condizione necessaria per il consolidamento strutturale dei conti pubblici e il conseguimento della stabilita' finanziaria"; ovvero senza crescita economical’Italia non ha un grande futuro e proprio Visco ha ricordato come nel periodo che ha preceduto la crisi "l'economia italiana e' cresciuta a tassi relativamente modesti. La crisi ha riportato il prodotto interno sui livelli dell'inizio del decennio; la ripresa in corso appare lenta".


E con il Pil ritornato ai livelli di dieci anni fa ed il primo decennio di questo millennio che, ai fini economici, si può considerare perduto per l’Italia, appaiono sinceramente fuori luogo taluni toni ottimistici che esaltano la revisione al rialzo della crescita del Pil nel terzo trimestre 2010 effettuata dall’Istat.
I dati Istat infatti ci consegnano un paese che arranca comunque anche dopo la revisione, la stima preliminare diffusa il 12 novembre scorso aveva infatti rilevato un aumento dello 0,2 per cento congiunturale, ovvero rispetto al trimestre precedente, e un aumento tendenziale, ovvero rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, dell’1,0 per cento, mentre i dati dopo la revisione portano ad un aumento dello 0,3 per cento rispetto al trimestre precedente e dell’1,1 per cento nei confronti del terzo trimestre del 2009; con una crescita acquisita per il 2010, cioè la crescita annuale che si otterrebbe in presenza di una variazione nulla nel quarto trimestre dell’anno, pari all’1,0 per cento.


Terrificante il confronto con le altre economie che nello stesso periodo hanno fatto segnare performance decisamente differenti, il PIL è aumentato rispetto allo scorso trimestre  dello 0,9 per cento in Giappone, dello 0,8 per cento nel Regno Unito, dello 0,7 per cento in Germania, dello 0,6 negli Stati Uniti e dello 0,4 per cento in Francia. In termini tendenziali, si è invece registrato un aumento del 4,1 per cento in Giappone, del 3,9 per cento in Germania, del 3,2 per cento negli Stati Uniti, del 2,8 per cento nel Regno Unito e dell’1,8 per cento in Francia.


Anche il confronto con il complesso dell’area euro, il cui Pil è cresciuto, nel complesso, dello 0,4 per cento in termini congiunturali e dell’1,9 per cento in termini tendenziali, sottolinea la lentezza della ripresa dell’economia tricolore.
Sempre che di ripresa si possa cominciare a parlare con questi numeri e con le associazioni dei consumatori hanno lanciato una offensiva su questo punto specifico con  Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori e Adusbef , che domandano:"Purtroppo la realta' rilevata dai nostri osservatori e' ancora ben lontana da una ripresa del Pil all'1,1%, anzi, secondo le nostre stime, sara' molto piu' contenuta. Come potrebbe essere diversamente in un Paese in cui non si fa nulla per stimolare una ripresa dei consumi?" secondo le associazioni i consumi presentano "andamenti drammatici: secondo le rilevazioni dell'ONF - Osservatorio Nazionale Federconsumatori, hanno subito negli ultimi 3 anni un crollo del -6% (-1,5% nel 2008, -2,5% nel 2009 e, in previsione, -2% nel 2010), con una riduzione di spesa di oltre 40 miliardi".


E non contribuirà certamente ad un rilancio del Pil l’avvicinarsi delle festività natalizie, visto che nonostante le insistenti richieste delle associazioni dei consumatori il Governo ha deciso di non “avviare operazioni quali la detassazione delle tredicesime e l'anticipazione dei saldi che, almeno in occasione delle festivita' natalizie, avrebbero potuto rilanciare la domanda di mercato e scongiurare il Natale ipercongelato alle porte. Secondo le stime dell'O.N.F., infatti, le spese legate ai soli consumi delle festivita' di fine anno diminuiranno ulteriormente del -11%, rispetto al gia' tragico andamento del 2009” che aveva fatto segnare un consistente -23%.



Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]