Sabato, 13 Maggio 2017 10:33

Concordia: Schettino, prima notte in cella dopo condanna

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA. - Quella appena trascorsa e' stata la prima di una lunga serie di notti in carcere per Francesco Schettino dopo la condanna definitiva ieri sera in Cassazione a 16 anni di reclusione per il naufragio della nave da crociera Concordia all'isola del Giglio il 13 gennaio 2012, una tragedia che causo' 32 vittime.

La sentenza ricalca sostanzialmente quanto deciso dalla Corte d'appello di firenze nel maggio di un anno fa. L'ex comandante della nave si e' costituito non appena avuta notizia del verdetto, tenendo subito fede a quanto aveva fatto sapere tramite il suo legale mentre i giudici supremi della quarta sezione penale erano ancora in camera di consiglio. Ha scelto la casa circondariale romana di Rebibbia, mentre nel frattempo - come da procedura - la procura di Grosseto aveva provveduto ad emettere un ordine di carcerazione nei suoi confronti. 

Con la sentenza di ieri si chiude quindi dal punto di vista penale, a distanza di poco piu' di cinque anni, il capitolo Concordia. "Busso al carcere e dico 'sono qui' perche' credo nella giustizia", le prime parole di Schettino davanti al carcere. Ad accompagnarlo c'era l'avvocato Saverio Senese, che ha gia' preannunciato un ricorso alla Corte europea per i diritti dell'uomo di Strasburgo: Schettino, ha spiegato, "riconosce di essere responsabile ma non il colpevole perche' sulla Concordia c'era un team di comando e lui non era il solo". "Gli italiani s- ha aggiunto il legale - ono pronti a crocefiggere qualcuno e hanno scelto il comandante". A sostenere l'accusa in Cassazione e' stato il sostituto pg Francesco Salzano, che nell'udienza del 20 aprile aveva sollecitato la conferma dei 16 anni di carcere per l'ex comandante, insieme al rinvio degli atti ai giudici fiorentini affinche' in sede d'appello-bis fosse valutata la possibilita' di aumentare la pena, con l'aggravante della "colpa cosciente" in relazione al reato di omicidio colposo plurimo. 

Con la sentenza di ieri Schettino e' stato ritenuto responsabile dei reati di naufragio colposo, omicidio colposo plurimo, lesioni colpose, abbandono di persone incapaci e abbandono della nave. Le motivazioni della sentenza, prevede la legge, saranno depositate entro 90 giorni. Rispetto alla decisione dei giudici di secondo grado, la Suprema Corte ha annullato per prescrizione solo alcune contravvenzioni, che tradotto significa per Schettino un mese di arresto in meno. La notte del naufragio, a bordo della Concordia c'erano oltre 4mila persone, tra passeggeri e membri dell'equipaggio. Gia' nel 2012 Schettino era stato sottoposto, per circa 6 mesi, alla misura cautelare degli arresti domiciliari. "La Cassazione ha riconosciuto la bonta' del nostro impianto accusatorio", ha commentato ieri sera il procuratore generale presso la Corte d'Appello di Firenze, Marcello Viola.  

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. Il cinema italiano a Cannes

CANNES - Cinque lungometraggi, due corti e diverse coproduzioni rappresenteranno quest’anno l’Italia sulla Croisette. In squadra due registe, Alice Rorhwacher in Concorso con Lazzaro Felice e Valeria Golino in Un Certain Regard con Euforia, a testimoniare che il...

Redazione - avatar Redazione

Cultura

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077