Lunedì, 22 Febbraio 2016 09:36

Come funziona il ricorso al Tar? Featured

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - Un Tar, Tribunale amministrativo Regionale, è un organo giurisdizionale di primo grado specializzato nel settore amministrativo, dunque coinvolto nella lesione di un interesse illegittimo dei cittadini, che possono ottenere la modifica, la revoca o l’annullamento di tale atto.

Il Tar si trova in ogni capoluogo di regione oppure nelle altre province come sezione distaccata; il ricorso al tar si può presentare nella propria regione solo se gli atti sono della stessa regione, altrimenti ci si deve riferire al Tar del Lazio.

Per fare  ricorso al tar sono fondamentali tre requisiti:  

Un avvocato amministrativo, essere dentro i limiti di tempo necessari e avere un motivo valido.

Per quanto riguarda i limiti di tempo, è fondamentale presentare il ricorso entro 60 giorni dalla data di pubblicazione dell’atto che si desidera impugnare, e sempre entro questo limite di tempo il ricorso deve essere scritto e notificato a tutte le parti. Passato questo margine di tempo non è più possibile effettuare tale richiesta.

Perchè la notifica possa esssere ricevuta da tutte le parti in causa è necessario che questa venga realizzata da un avvocato amministrativo specializzato nel ricorso al tar, che comunichi tale atto all’amministrazione che ha emanato l’atto, all’eventuale amministrazione superiore, e ad un’eventuale persona, se existe, denominata controinteressato (ossia un soggetto a cui l’accoglimento del ricorso potrebbe portare uno svantaggio, come nel caso per esempio del vincitore di un concorso pubblico del quale si chiede l’annullamento).

Il Tar all’inizio può concedere la “tutela cautelare”, ossia la sospensione dell’atto amministrativo onde evitare un pregiudizio grave alla persona che ha presentato ricorso, il Tar in seguito emette una sentenza che può consistere in un’ammissione od in un rifiuto della modifica, in un annullamento oppure in una revoca dell’atto.

Avverso le sentenza del ricorso al Tar ci si può rivolgere in secondo grado al Consiglio di Stato, la cui sentenza è definitiva e non prevede alcun appello.

Last modified on Lunedì, 22 Febbraio 2016 09:36

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Cultura

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077