Venerdì, 02 Settembre 2016 12:17

Pil. Italia a crescita zero, la crisi c’è

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Codacons: il governo pensi più alle famiglie che alle banche

ROMA - I numeri parlano chiaro ancora: infatti nel secondo trimestre del 2016 il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, e' rimasto invariato rispetto al trimestre precedente ed e' aumentato dello 0,8% nei confronti del secondo trimestre del 2015.  

In pratica la domanda nazionale al netto delle scorte ha sottratto 0,1 punti percentuali alla variazione del Pil: si registrano contributi nulli per i consumi delle famiglie e delle Istituzioni sociali private (Isp) e per gli investimenti fissi lordi e un contributo negativo (-0,1 punti percentuali) per la spesa della Pubblica amministrazione. 

Il Pil mostra una frenata rispetto ai trimestri precedenti, tornando alla stazionarieta' dall'ultimo trimestre 2014 (+0,4% nel primo trimestre 2015, +0,2% nel secondo, +0,3% nel terzo, +0,2% nel quarto). Il valore aggiunto registra incrementi congiunturali nell'agricoltura (0,5%) e nei servizi (0,2%), mentre diminuisce (-0,6%) nell'industria. All'interno dei servizi si rilevano settori in flessione e settori in espansione: incrementi significativi riguardano le attivita' professionali e di supporto (0,5%) e quelle del comparto del commercio, trasporto e alloggio (0,4%); all'opposto, il calo piu' marcato riguarda le attivita' finanziarie e assicurative (-0,6%). Nello stesso periodo, il Pil e' aumentato in termini congiunturali dello 0,6% nel Regno Unito, dello 0,4% in Germania e dello 0,3% negli Usa, mentre e' rimasto invariato in Francia. In termini tendenziali: +2,2% nel Regno Unito, +1,7% in Germania, +1,4% in Francia e +1,2% negli Stati Uniti. Nell'Area Euro e' aumentato dello 0,3% sul trimestre e dell'1,6% su anno.  

Codacons, governo stecca previsioni, crisi non molla 

I dati sul Pil diffusi oggi dall'Istat rappresentano "una bastonata per il Governo italiano, che ha letteralmente steccato sulle previsioni relative al Pil, il cui incremento tendenziale era fissato all'1,2%". Lo afferma il Codacons in una nota commentando i dati sul secondo trimestre. "E' evidente che l'Italia non riparte e che la crisi economica non ha affatto abbandonato il nostro Paese - afferma il presidente Carlo Rienzi - Il Governo Renzi farebbe bene a pensare alle famiglie piu' che alle banche, perche' solo attraverso misure di sostegno ai consumi e alla domanda interna sara' possibile uscire definitivamente da una crisi che continua a far sentire i suoi effetti sull'economia italiana". 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077