Venerdì, 02 Settembre 2016 12:17

Pil. Italia a crescita zero, la crisi c’è

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Codacons: il governo pensi più alle famiglie che alle banche

ROMA - I numeri parlano chiaro ancora: infatti nel secondo trimestre del 2016 il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, e' rimasto invariato rispetto al trimestre precedente ed e' aumentato dello 0,8% nei confronti del secondo trimestre del 2015.  

In pratica la domanda nazionale al netto delle scorte ha sottratto 0,1 punti percentuali alla variazione del Pil: si registrano contributi nulli per i consumi delle famiglie e delle Istituzioni sociali private (Isp) e per gli investimenti fissi lordi e un contributo negativo (-0,1 punti percentuali) per la spesa della Pubblica amministrazione. 

Il Pil mostra una frenata rispetto ai trimestri precedenti, tornando alla stazionarieta' dall'ultimo trimestre 2014 (+0,4% nel primo trimestre 2015, +0,2% nel secondo, +0,3% nel terzo, +0,2% nel quarto). Il valore aggiunto registra incrementi congiunturali nell'agricoltura (0,5%) e nei servizi (0,2%), mentre diminuisce (-0,6%) nell'industria. All'interno dei servizi si rilevano settori in flessione e settori in espansione: incrementi significativi riguardano le attivita' professionali e di supporto (0,5%) e quelle del comparto del commercio, trasporto e alloggio (0,4%); all'opposto, il calo piu' marcato riguarda le attivita' finanziarie e assicurative (-0,6%). Nello stesso periodo, il Pil e' aumentato in termini congiunturali dello 0,6% nel Regno Unito, dello 0,4% in Germania e dello 0,3% negli Usa, mentre e' rimasto invariato in Francia. In termini tendenziali: +2,2% nel Regno Unito, +1,7% in Germania, +1,4% in Francia e +1,2% negli Stati Uniti. Nell'Area Euro e' aumentato dello 0,3% sul trimestre e dell'1,6% su anno.  

Codacons, governo stecca previsioni, crisi non molla 

I dati sul Pil diffusi oggi dall'Istat rappresentano "una bastonata per il Governo italiano, che ha letteralmente steccato sulle previsioni relative al Pil, il cui incremento tendenziale era fissato all'1,2%". Lo afferma il Codacons in una nota commentando i dati sul secondo trimestre. "E' evidente che l'Italia non riparte e che la crisi economica non ha affatto abbandonato il nostro Paese - afferma il presidente Carlo Rienzi - Il Governo Renzi farebbe bene a pensare alle famiglie piu' che alle banche, perche' solo attraverso misure di sostegno ai consumi e alla domanda interna sara' possibile uscire definitivamente da una crisi che continua a far sentire i suoi effetti sull'economia italiana". 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Dall'Austria un allarme da non sottovalutare

Chiunque conosca la biografia di Hitler sa che il futuro Führer non era tedesco bensì austriaco e sa anche che se c'erano due paesi in cui l'antisemitismo la faceva da...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208