Lunedì, 27 Aprile 2015 11:30

Grecia. Entro fine giugno chiuderanno 8.500 attività

Scritto da

Tra le cause, mancanza di liquidità e del fatturato e troppe tasse

ATENE -  In Grecia nel corso dei primi tre mesi nel 2015 hanno chiuso i battenti 5.341 imprese ad una media di circa 59 chiusure al giorno ma molti altri chiuderanno nei prossimi tre mesi. È questa la drammatica situazione, come riferisce l'edizione online del quotidiano To Vima, che si desume dai dati forniti dalla Confederazione Nazionale delle Camere di Commercio elleniche (Esee) la quale avverte che nel primo semestre dell'anno le chiusure potrebbero arrivare a oltre 8.500 in tutto. Vasilis Korkidis, presidente dell'Esee, ha messo in guardia sul fatto che i lunghi negoziati tra il governo greco e i suoi creditori stanno ulteriormente aggravando una situazione già disastrosa per il commercio greco, con il mercato in continua sofferenza. Questo, secondo Korkidis, prelude ad una nuova ondata di chiusure provocata soprattutto dalla mancanza di liquidità, dalla tassazione eccessiva, dalla pressione da parte delle banche e dal calo del fatturato. Tutto ciò, a sua volta, contribuisce a far aumentare il tasso di disoccupazione. 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]