Lunedì, 01 Agosto 2016 10:59

L’Isis minaccia Putin, porteremo la jihad in Russia

Scritto da

MOSCA - L'Isis minaccia il presidente russo Vladimir Putin e chiede ai propri combattenti di portare la jihad in Russia. L’avvertimento arriva attraverso un video attribuito all'Isis e diffuso sul web.

Si tratta di un filmato di nove minuti, che mostra scene di guerra e si conclude con un militante dal volto coperto il quale incita i sostenitori Isis ad atti terroristici sul suolo russo e minaccia personalmente il presidente Vladimir Putin.  Nel filmato, la cui autenticita' non e' confermata, un uomo a viso coperto che guida un'auto nel deserto urla: "Ascolta Putin, verremo in Russia e vi uccideremo nelle vostre case. (...) Oh fratelli, conducete la jihad e uccideteli e combatteteli". Il link del video potrebbe essere stato caricato su un account Telegram usato dai terroristi. 

Il video mostra anche degli uomini armati che attaccano veicoli blindati e tende, e raccolgono armi nel deserto. Secondo i sottotitoli si tratterebbe di un'azione avvenuta ad Akashat, nella provincia irachena di Anbar. Recentemente Russia e Usa hanno iniziato a trattare per raggiungere un maggior livello di cooperazione contro l'Isis e altri gruppi terroristici a livello militare e di servizi segreti.  

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]