Domenica, 28 Maggio 2017 09:27

Iran contro Arabia Saudita: siete vicini agli americani infedeli

Scritto da

TEHERAN- L'Arabia Saudita è stata spremuta "come una mucca" dagli "infedeli" americani.

E' l'attacco lanciato dal supremo leader iraniano, l'ayatollah Ali Khamenei, nei confronti del rivale regionale Arabia Saudita. "Queste persone (i sauditi) sembrano credere nel Corano...ma in pratica agiscono contro i suoi precetti", ha accusato Khamenei nel corso di un incontro per celebrare l'inizio del mese santo del Ramadan. "Sono vicini agli infedeli e offrono al nemico il denaro che dovrebbero utilizzare per migliorare la vita del proprio popolo", ha aggiunto, "Ma non c'è in realtà vicinanza e, come gli americani hanno detto, sono lì soltanto per spremerli di denaro come una mucca e poi macellarli". Durante una visita a Riad del presidente Donald Trump, lo scorso 21 maggio, l'Arabia Saudita ha accettato di comprare armi americani per 110 miliardi di dollari e firmato accordi di investimento per altri svariati miliardi di dollari. L'Arabia Saudita (a maggioranza sunnita) e l'Iran (a maggioranza sciita) sono ai ferri corti in numerosi conflitti regionali, compresi Siria e Yemen.  

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]