Mercoledì, 31 Agosto 2011 14:48

Libia. Aspettando la fine del ramadan e del Rais

Scritto da

TRIPOLI - Il conto alla rovescia per la città di Sirte è cominciato e sabato se i fedelissimi dell'ormai ex raìs non avranno mostrato la bandiera bianca, la città sarà presa d'assalto!


Il Cnt più convinto che mai sulle mosse da fare è stato categorico "arrendetevi o morirete"; certo evitare di aggiungere altre vittime, la maggior parte delle quali innocenti, alle oltre 50.000 già cadute è ciò che si augurano tutti compresi gli insorti.
Ma il tempo in Libia oggi è più che mai denaro!

Già perchè la guerra non solo è lontana dal finire, ma stando alle ultime rivelazioni dell'emittente del Qatar Al Jazeera, l'Onu avrebbe previsto l'invio di osservatori militari internazionali per preparare le elezioni e addestrare l'esercito e la polizia locali; non parliamo poi del dopo ostilità, una seconda parte del conflitto o meglio la nuova forma del conflitto che consisterà nella lotta già cominciata dalle grandi potenze straniere per diventare i protagonisti assoluti della nuova Libia post-Gheddafi.

Ora però l'obiettivo primario resta sempre capire dove si trova il colonnello, Sirte, Sabha o Algeria pronto per raggiungere finalmente il suo amico Chàvez?

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]