Venerdì, 14 Aprile 2017 12:06

Germania, ancora nessuna certezza sulle responsabilita' dell'attentato di Dortmund

Scritto da

BERLINO - Gli ordigni esplosivi impiegati contro il pullman del Borussia Dortmund sono stati realizzati modo altamente professionale, secondo quanto riportato dal ministro dell'interno del Nord Reno-Vestfalia, Ralf Jaeger (Spd).

"La quantita' di esplosivo era importante", ha detto giovedi' il ministro in una riunione della commissione per gli Affari interni del parlamento statale, tornando a ipotizzare - dopo i dubbi in merito alle reali responsabilita' del cittadino Iracheno affiliato allo Stato islamico, e nonostante le rivendicazioni di stampo islamista rinvenute sul luogo dell'attentato - che i responsabili fossero vicini agli ambienti della tifoseria calcistica violenta. "Prendiamo molto sul serio questa minaccia", ha detto Dieter Schuermann, direttore della polizia criminale. Secondo il capo della Protezione della Costituzione del land, Burkhard Freier, le tre lettere rinvenute sono identiche e imputabili ad estremisti politici o ad ambienti islamisti, ma sono state scritte in lingua tedesca, e non in arabo. Il sospetto iracheno arrestato, il 26 enne Abdul Beset A. Haftbefehl, non sarebbe parte di alcuna cellula o gruppo terroristico organizzato in Germania. L'uomo avrebbe combattuto con l'Isis in Iraq, e partecipato a sequestri, rapimenti, estorsioni e omicidi. Nel 2015 si sarebbe recato in Turchia e da li' sarebbe arrivato in Germania, a Wuppertal, nel 2016, dove avrebbe mantenuto i contatti con l'Isis. Oggi la Corte federale decidera' l'eventuale custodia cautelare del sospettato. L'esperto dell'Isis Peter Neumann, pero', ritiene che le rivendicazioni rinvenute sul luogo dell'attentato siano poco convincenti.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

La Magia del Coaching e l’Expecto Patronum!

Facendo seguito ad una serie di considerazioni lette sulle riviste, fatte da alcuni personaggi del mondo dello spettacolo, indicative di tanta confusione sul contesto del coaching, colgo questa occasione come...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Alda Merini. La straordinaria avventura del Bacchelli, un vitalizio meritato

 Alda Merini si è spenta, a settantotto anni, il primo novembre 2009. Ha avuto funerali di Stato con camera ardente in Duomo. La sua tomba è nel cimitero monumentale di...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077