Martedì, 13 Ottobre 2015 14:32

La mafia degli appalti vince sempre

Scritto da

ROMA - Nel corso degli anni le organizzazioni mafiose si sono concentrate nei campi della produzione, dello scambio e della vendita di beni e servizi, cercando di soddisfare la domanda dei mercati e di cogliere così ogni minima occasione di profitto.

Nonostante la criminalità organizzata abbia svolto e svolge innumerevoli tipi di attività criminali, tra le quali molte lecite, un elemento caratterizzante è l’impiego di ingenti risorse economiche connesse a corruzione, violenza ed intimidazione. I mercati leciti, quali ad esempio appalti e concessioni, rappresentano certamente uno dei campi dove più intenso è l’interessamento delle mafie moderne. Le restrizioni o le proibizioni di legge relative alla produzione e allo scambio delle merci, infatti, fanno sì che le relative operazioni, il consumo, lo scambio e il commercio siano facilitate attraverso meccanismi di corruzione in accordo con funzionali pubblici e politici collusi. In altri termini, i controlli sono resi meno efficaci e di conseguenza più facili sono le pratiche illecite in contesti pienamente leciti.

Le collusioni e le contiguità, facendo riferimento al mercato della corruzione, nel quale diversi attori - politici, imprenditori, professionisti, burocrati - allacciano rapporti di scambio, hanno per oggetto la trasmissione di risorse relative all’esercizio dell’autorità pubblica. Il settore per il quale esiste una evidenza materiale, grazie alle inchieste giudiziarie degli ultimi anni, è quello degli appalti e delle concessioni pubbliche. Le organizzazioni mafiose spesso esercitano una funzione di garanzia di adempimento e di tutela delle intese contrattuali anche in altri tipi di scambio politico, che hanno determinato un condizionamento di processi che investono la dimensione elettorale, la formazione e la stabilità degli accordi tra diversi soggetti politici. Il punto cruciale ormai indubitabile è che le mafie e lo Stato “trattano”.

C’è infatti una significativa corrispondenza tra il flusso degli appalti e delle concessioni e le infiltrazioni mafiose. In questi settori le mafie hanno creato dei veri e propri monopoli inattaccabili dall’esterno. In questo senso, non solo si possono riscontrare similitudini tra associazioni criminali e i governi centrali e perifirici, ma c'è molto da approfondire anche dal confronto inverso. Ci sono appalti che possono essere dati per legge anche senza gara, ma spesso grazie alle collusioni accade che molti sono assegnati senza gara anche se non ci sono i presupposti di legge. L’uso di procedure negoziali e trattative private dell'amministrazione pubblica diventa spesso consuetudine generando un sistema di illegalità che finisce per favorire meccanismi corruttivi. Per provare a risolvere in parte queste discrasie occorrono delle regole e dei controlli seri ed efficaci  ma occorre anche riflettere sul fatto che in Italia ci sia un forte deficit di cultura della legalità. Se non cresce il senso della legalità e un modo diverso di approccio alla pubblica amministrazione difficilmente potremo risolvere i problemi di questo Paese. 

Vincenzo Musacchio

Giurista e docente di diritto penale, Direttore della Scuola di Legalità “Don Peppe Diana” di Roma e del Molise

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]