Mercoledì, 20 Giugno 2018 15:55

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Scritto da

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi completerà i suoi acquisti netti a dicembre. Ma va sottolineato come ciò non significhi affatto la fine degli acquisti, questi continueranno ancora per anni ma saranno pari all’entità dei titoli che man mano andranno a scadenza e saranno quindi rimborsati.

Ad esempio se scadono 30 miliardi di euro di titoli la BCE ne ricomprerà 30 miliardi di nuovi, lo stock dei titoli in mano agli uomini di Draghi resta uguale, l’acquisto netto è pari a zero ma ci saranno comunque 30 miliardi di acquisti da parte della BCE. Sarà solo tra qualche anno che la BCE comincerà ad acquistare un po’ meno titoli di quelli che ha in mano e arrivano a scadenza.

Una precisazione superflua? Forse no

 E’ estremamente importante tenere bene a mente questa differenza tra acquisti netti e acquisti, in particolare per un Paese come la Grecia che è restato finora fuori del QE. Poiché se da un lato si è chiusa la porta principale d’ingresso al programma di aiuti potrebbe aprirsi un’altra porta che consentirebbe alla Repubblica ellenica di godere di benefici simili a quelli goduti dai Paesi già inclusi negli acquisti.

Eleggibilità greca. Cosa succederà quando arriverà?

Nel momento in cui i titoli greci divenissero eleggibili per l’acquisto da parte della BCE all’interno del QE, ciò dipende dal rating assegnato al debito greco, non ci saranno più, con ogni probabilità, acquisti netti da parte della BCE. La Grecia però potrebbe, dovrebbe ed inoltre avrebbe il pieno diritto di richiedere l’inserimento dei propri titoli nel prosieguo del programma. Ovvero al momento della scadenza dei vari titoli in mano alla BCE l’istituto di Francoforte non dovrebbe riacquistare solo i titoli dei Paesi che hanno emesso i titoli scaduti ma rimodulare l’acquisto in maniera da inserire anche un pacchetto di titoli greci. Ciò terrebbe l’acquisto netto complessivo da parte della BCE pari a zero, con un acquisto netto negativo per il Paese o i Paesi di cui arrivano a scadenza i titoli ed un acquisto netto positivo per la Grecia.

In questo modo la Grecia godrebbe, seppur in maniera limitata e ritardata dei medesimi vantaggi di cui hanno goduto i Paesi inseriti dall’inizio nel QE.

Acquisti netti per la Grecia, ma in quale quantità?

In quale percentuale andrebbero acquistati i titoli greci in rapporto ai titoli che man mano arrivano a scadenza? Le soluzioni sono sostanzialmente due, la prima sarebbe la soluzione da minimo sindacale, ovvero andrebbero acquistati titoli greci in percentuale pari alla quota di titoli greci che si sarebbe avuta in mano alla BCE se la Grecia avesse partecipato al QE.

Un esempio chiarirà meglio.

Se la Grecia avesse partecipato al QE la BCE avrebbe acquistato titoli greci, ad esempio, in misura pari al 5 per cento del totale dei titoli complessivamente acquistati all’interno del programma, e allora su ogni scadenza titoli la BCE acquisterà il 95 per cento in titoli dei Paesi che avevano emesso i titoli scaduti ed il 5 per cento in titoli greci.

Ciò comporterebbe però tempi biblici per arrivare ad una partecipazione del 5 per cento dei titoli greci allo stock complessivo dei titoli detenuti dalla BCE.

La soluzione ottimale. Un multiplo

Se però il professor Tsakalotos riuscisse nell’impresa di mettere d’accordo Francoforte e Bruxelles sul punto si potrebbe rivendicare, tra l’altro con piena ragione, l’acquisto di un multiplo della quota di spettanza greca, fino al raggiungimento della quota all’interno dello stock di titoli in mano alla BCE.

Quindi per ogni scadenza titoli si acquisterebbero l’85 o il 90 per cento in titoli dei Paesi i cui titoli erano arrivati a scadenza ed il 15 o il 10 per cento di titoli greci. Ciò fino al raggiungimento della quota spettante alla Grecia all’interno dello stock di titoli in mano alla BCE.

Effetti per la Grecia e per gli altri Paesi

Per i Paesi già inseriti nel QE ciò comporterebbe una piccola anticipazione della reale fine del QE, con l’obbligo di rimborsare o finanziare sul mercato una parte seppur piccina dei titoli in scadenza.

Per la piccola economia greca sarebbe un vero e proprio QE, seppur ridotto e ritardato, che potrebbe aiutare Atene nel rientro a tempo pieno sui mercati, tra l’altro questo aiuto arriverebbe proprio quando ai piedi del Partenone se ne sente maggiormente la necessità con la definitiva uscita dai programmi di assistenza.

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Cultura

Coaching Cafè

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077