Sabato, 04 Giugno 2016 19:21

Ostia. Sigilli anche al Faber Beach

Scritto da
  • OSTIA (ROMA) - Ancora una volta la Polizia della capitale entra in azione a Ostia per sigillare l’ennesimo stabilimento balneare. Il 3 giugno è stata la volta di uno dei luoghi più noti nel litorale romano, ovvero il Faber Beach.

 Gli agenti del X MUnicipio hanno così  posto sotto sequestro le strutture della spiaggia per occupazione demaniale abusiva e denunciato il gestore, la cooperativa Nausicaa. Il provvedimento è scattato dopo che era stata notificata la revoca della concessione. Stando a quanto trapelato la cooperativa nel 2014 aveva ottenuto, con asta giudiziaria, l'acquisto dell'azienda Faber Beach, ma vendita interessava solo i beni di proprietà dell'azienda e non l'attività che invece avrebbe dovuto essere messa a bando. Per questo motivo il titolo sarebbe decaduto. Ma non solo. Secondo il Municipio sarebbero emersi anche degli abusi edilizi.

  • In questi mesi, Ostia è sottoposta ad un controllo serrato che coinvolge alcuni noti stabilimenti del litorale, ai quali sono stati posti i sigilli. 

  •  

    Correlati

    LAB.jpg

    ITC.jpg

    SIAMO.jpg

    Cerca nel sito

    300x300.jpg

    Opinioni

    Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

    Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

    Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

    Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

    VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

    Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

    Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
    Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
    per info scrivi a: [email protected]