Sabato, 26 Dicembre 2020 12:37

Ricerca. Dalla Purdue University una nuova immunoterapia contro il cancro

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Un nuovo approccio all'immunoterapia contro il cancro ha il potenziale per essere un trattamento universale per i tumori solidi, secondo i ricercatori della quinta università più innovativa negli Stati Uniti. I dettagli sono stati pubblicati  sulla rivista Cancer Research 

Due scienziati della Purdue University hanno lavorato insieme per sviluppare e testare il nuovo trattamento che funziona non attaccando le cellule tumorali stesse, ma concentrandosi sulle cellule del sistema immunitario che alimentano il tumore e impediscono ad altre cellule del sistema immunitario di distruggerlo. 

La ricerca è stata condotta da Philip Low, Presidente del Drug Discovery di Purdue e Ralph C. Corley Professore di Chimica  e dai professori Timothy Ratliff, Robert Wallace Miller, direttore del Purdue Center for Cancer Research e Professore  di Patologia Comparata. 

Low ha affermato che il trattamento è "totalmente unico" e ha dimostrato di funzionare in sei diversi tipi di tumore. Finora, il trattamento è stato testato su cellule tumorali umane in laboratorio e su tumori umani in modelli animali. 

Questo nuovo approccio prende di mira le cellule che il corpo utilizza per frenare una risposta immunitaria. In altre situazioni, dopo una malattia o un infortunio, il corpo impiega queste cellule dette immunosoppressori per interrompere la normale risposta di guarigione, al fine di evitare che la risposta finisca fuori controllo. Per fare un esempio immaginate di lanciare un’auto  a grande velocità e realizzare che improvvisamente i freni non funzionano più. Nei tumori cancerosi, infatti, queste cellule hanno un effetto disastroso: colpiscono i freni nel momento sbagliato e impediscono alle difese del corpo di uccidere il tumore.

"Possiamo riprogrammare le cellule immunitarie all'interno del tumore per eliminare il tumore invece di permettere a queste cellule di aiutare il tumore a crescere", ha detto Low. "Si è appena scoperto che, come approccio globale all'eradicazione di un tumore solido, dobbiamo trattare anche le cellule sane e non maligne del tumore".

Low ha spiegato che, a seconda del tipo di cancro, il 30% -80% delle cellule in un tumore solido non sono cellule cancerose e sono utilizzate nelle normali funzioni in altri tessuti.

"La differenza - e questa è una differenza molto importante - è che successivamente queste cellule si infiltrano in una massa tumorale solida, vengono riqualificate dalle cellule tumorali per facilitare la crescita del tumore", ha precisato Low.

"Ma anche se le cellule tumorali sono molto specifiche per il tipo di cancro, queste cellule non maligne all'interno del  microambiente tumorale sono spesso simili da un tumore all'altro; quindi un farmaco che corregge il comportamento scorretto di queste cellule non maligne potrebbe essere utilizzato per trattare la maggior parte dei tumori solidi ".

In questa tecnica, un farmaco antitumorale che normalmente sarebbe troppo tossico per l'uso umano è collegato al folato, che è un tipo di vitamina B. Quasi nessuna cellula normale ha un recettore per il folato, quindi passa attraverso il corpo, a parte alcune cellule immunitarie associate al cancro.

"Usiamo la vitamina folato per indirizzare i farmaci attaccati specificamente a queste cellule non maligne all'interno di una massa tumorale che, purtroppo, promuove la crescita del tumore. Questi macrofagi associati al tumore amano il folato", ha specificato Low. "Hanno un enorme appetito, quindi lo prendono subito, e se non lo fanno, il composto passa nelle urine entro circa 30 minuti. Quindi, stiamo usando il folato come una specie di cavallo di Troia per ingannare  le cellule immunitarie che promuovono il tumore a mangiare un farmaco che le riprogrammerà in cellule immunitarie che combattono il tumore ".

Low ha detto che parte dello sforzo di sviluppo del farmaco sarà quello di garantire che il carico utile del farmaco, che sarebbe letale per un paziente da solo, venga rilasciato esclusivamente all'interno delle cellule dei macrofagi che promuovono il tumore.

Insomma, secondo Low questo trattamento potrebbe rivelarsi più universalmente efficace delle attuali immunoterapie contro il cancro.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Cultura

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]