Sabato, 26 Dicembre 2020 12:10

La ricerca sull'HIV ha gettato le basi per i vaccini contro il Covid

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Le tecniche scientifiche sviluppate nella lotta in corso contro l'AIDS hanno aiutato gli scienziati a combattere il nuovo coronavirus 

Già molte persone stanno ricevendo il vaccino contro il Covid-19. Un risultato importante che potrebbe mettere fine alla SARS-CoV-2, il nuovo mortale coronavirus. Ma com’è stato possibile arrivare ad un vaccino così in fretta?

La risposta per gli scienziati è abbastanza scontata e bisognerebbe ringraziare le molteplici ricerche per trovare un vaccino per il virus dell’HIV (Human Immunodeficiency Virus), ovvero la causa dell'AIDS.  Infatti molte delle nuove tecnologie e approcci impiegati per creare potenti vaccini e terapie Covid-19 fanno risalire le loro origini alla disperata ricerca, iniziata nei primi anni '80, per rallentare la diffusione dell'HIV.  L'AIDS, finora ha causato 33 milioni di vittime e 38 milioni di persone attualmente convivono  con il virus dell'immunodeficienza umana . Nonostante non sia stato ancora trovato un vaccino, dal 1982 gli Stati Uniti hanno investito più di 76 miliardi di dollari in trattamenti salva vita, rivoluzionando silenziosamente lo sviluppo di vaccini e terapie per altri virus, incluso il coronavirus.

Non a caso come ha recentemente precisato Anthony Stephen Fauci, l’mmunologo statunitense che ha fornito contributi fondamentali nel campo della ricerca sull'AIDS e di altre immunodeficienze, “tutto ciò che è stato fatto con ogni altro agente patogeno dipende da ciò che abbiamo imparato con l'HIV”. Fauci che ha da poco compiuot 80 anni ha iniziato le sue ricerche quando era ancora 3oenne alla National Institutes of Health (NIH) a Bethesda, nel Maryland, dove costituì una vero e proprio team di ricerca.

Gli scienziati non sono ancora stati in grado di sviluppare un efficace vaccino contro l'AIDS, in parte perché l'HIV è uno dei patogeni più astuti e complessi mai incontrati. Come il coronavirus, l'HIV ha una proteina spike o involucro che si lega ai recettori sulla superficie delle cellule, ma nell'HIV non rimane intatto abbastanza a lungo da essere attaccato in modo efficiente dal sistema immunitario. In decenni di lavoro i ricercatori dell'HIV hanno sviluppato una migliore comprensione del complesso funzionamento del sistema immunitario. Hanno mappato in dettaglio come l'HIV invade le cellule e si replica, e ha identificato i punti deboli del virus che possono essere presi di mira dai farmaci. Usando la cristallografia a raggi X e la successiva microscopia elettronica, combinate con la modellazione al computer, i ricercatori hanno creato immagini tridimensionali altamente dettagliate delle proteine ​​sulla superficie dell'HIV. L'idea era di utilizzare le immagini per progettare antigeni, molecole che generano una risposta immunitaria e spingono il corpo a montare una difesa contro il virus.

Anche le strategie utilizzate per isolare e produrre anticorpi ampiamente neutralizzanti per L'HIV è stato applicato a SARS-CoV-2 e sta entrando in studi clinici. Nonostante i potenziali antivirali SARS-CoV-2 siano ancora solo nella fase iniziale di ricerca e sviluppo gli antivirali combinati per l'HIV potrebbero avere un ruolo per il trattamento e la prevenzione di COVID- 19, tantì che nuove piattaforme di vaccini, inclusi vaccini a base di acidi nucleici come DNA e RNA e vettori vivi, ancora una volta sviluppati per l'HIV, sono ora in fase di sperimentazione clinica 2 e 3 per COVID.

Insomma, questi due virus sono strettamente legati dalle ricerche. Ci sarà infatti  una continua espansione dell'infrastruttura di ricerca necessaria per lavorare con entrambi i virus, in particolare laboratori ad alto contenimento e strutture per animali. Le aziende diagnostiche, antivirali e di vaccini sono coinvolte nella ricerca COVID-19, comprese le aziende che non si erano precedentemente impegnate in malattie infettive virali, 

Data la portata dei test necessari nella pandemia COVID-19, l'introduzione di capacità di test nei LMIC potrà essere utilizzato per l'HIV e la tubercolosi. Queste epidemie sovrapposte rappresentano un'opportunità per estendere la ricerca interdisciplinare all'erogazione di servizi integrati per HIV, tubercolosi e COVID-19 e mirano a ottenere benefici sostenuti di prevenzione e trattamento. Infine, i percorsi accelerati per lo sviluppo di vaccini COVID-19 che portano a studi clinici su più candidati  dalla scoperta di SARS-CoV-2 dovrebbero essere applicati a sfide come lo sviluppo di un vaccino contro l'HIV.