Giovedì, 26 Aprile 2012 13:15

Calcio. Champions League. Bayern in finale, Real a casa

Scritto da
La gioia dei tedeschi allenati da Heynckes La gioia dei tedeschi allenati da Heynckes

ROMA – È stata una partita tiratissima, quella giocata ieri sera al Santiago Bernabeu tra Real Madrid e Bayern Monaco, ritorno della semifinale di Champions League. I tedeschi, al termine dei 120 minuti, hanno superato le merengues ai calci di rigore.(2-1, 3-4 d.t.s. )

Il Bayern,dunque, disputerà la finale di Champions in casa all'Allianz Arena, contro il Chelsea di Di Matteo, il prossimo 19 maggio.


PARITA' IN CAMPO – Partita giocata alla pari, ad alta densità e tensione. Due squadre compatte e desiderose, nelle motivazioni e nelle gambe, di conquistare la finale. Il Real di Mourinho era quasi riuscita a centrare l'obbiettivo. Andata in vantaggio dopo appena 15 minuti di 2 goal con la doppietta di Cristiano Ronaldo (il primo su rigore), i giochi sembravano quasi fatti e la strada appariva già in discesa.

Ma Robben al 26' accorciava le distanze, ancora su rigore. Parità ristabilita in virtù del 2-1 dell'andata in casa dei tedeschi.

Da qui in avanti il match è stato aperto a qualsiasi risultato ma le forze in campo erano così equilibrate che il risultato non è più mutato nemmeno dopo i 30 minuti dei due tempi supplementari.

Forse per i blancos hanno pesato sulle gambe i minuti giocati nella Liga nel big match contro l'altra grande delusa e pretendente al titolo finale, il Barcellona (come afferma lo stesso Mou a fine partita). In quella occasione se ne sono andate via molte energie, sia fisiche che mentali.

Sfugge così di mano per Mourinho, la possibilità di vincere la terza Champions League dopo quelle vinte con Porto ed Inter. E sfugge anche al Real di arricchire la propria bacheca ferma a quota 9 Champions.


LOTTERIA RIGORI – Dopo 120 minuti tirati al massimo, gli uomini dello special one sono apparsi più affaticati dei loro avversari, meno lucidi, al contrario dei tedeschi, carichi come non mai con un Neuer che si rivelerà il vero eroe della magica serata.

Si sa, i rigori sono come una roulette russa, è già bisogna premiare chi si assume il coraggio di metterci cuore, anima e faccia per andare da quei terribili undici metri che dividono un sogno da un incubo. E un vero incubo lo è stato per Ronaldo, il primo dei bianchi a farsi parare il rigore dal numero uno del Bayern, Neuer. Ma sbaglieranno anche Kakà (parato) e Sergio Ramos (alto sopra la traversa). A tenere con il fiato sospeso l'intero pubblico sugli spalti, ci ha pensato anche il Bayern, fallendo dal dischetto due penalty con Kroos e Lahm ma riuscendo a mettere nel sacco il pallone più importante con Schweinsteiger.


FINALE FUORI PRONOSTICO – Molti addetti ai lavori, fino a qualche giorno fa, davano per scontato una finale tutta spagnola tra Real e Barça. Ma il bello del calcio è proprio questa imprevedibilità dei risultati. La finale sarà invece di queste cosiddette 'outsider' dei pronostici, Bayern Monaco e Chelsea, artefici dell'eliminazione delle spagnole. Una finale tutta da gustare e, a questo punto, aperta a qualsiasi risultato.  

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]