Domenica, 11 Marzo 2012 22:42

Calcio.SerieA. Il Milan stacca la Juve. Male Lazio e Udinese

Scritto da

ROMA - Il Milan allunga sulla diretta rivale, ora è a +4 sui bianconeri.

Gli uomini di Allegri archiviano la pratica Lecce con una rete per tempo. Nel primo ci pensa Nocerino ad aprire le marcature - a segno per la nona volta in campionato -, nel secondo è ancora una volta Ibrahimovic a chiudere definitivamente il match. Poco Lecce – pesanti le assenze di Di Michele, Tomovic, Delvecchio e Cuadrado – ma quando si affaccia nella metà campo avversaria, la capolista soffre e viene salvata solo dall'imprecisione degli uomini di Cosmi. Fantasmi che rispuntano fuori dopo quelli di Londra contro l'Arsenal, qualcosa va sicuramente registrato. Ma la vittoria arriva e arrivano anche i tre punti che gli consentono di allungare in classifica in virtù del pareggio della sua diretta inseguitrice.

Infatti, la Juve non va oltre lo 0-0 al Marassi contro il Genoa. Bianconeri in silenzio stampa dal sapore polemico, visto che recriminano su due episodi, una trattenuta su Matri in area di rigore non ravvisata dall'arbitro e un goal annullato a Simone Pepe per fuorigioco. Soprattutto questo secondo episodio - sul quale il popolo juventino ha ben donde nel protestare - si fonda la protesta della Juventus. Perfino il patron del Genoa, Preziosi, ha affermato, nel dopo partita, che i bianconeri meritavano di più e che li hanno letteralmente surclassati. Ma la colpa degli uomini di Conte è sempre la stessa, quella di finalizzare poco rispetto alla quantità di occasioni create.

Nella polemica del goal annullato, dice la sua anche Allegri, che ricorda a tutti quello che è successo al Milan proprio contro la Juve (goal annullato a Muntari con la palla che aveva varcato la linea di porta di circa un metro) sottolineando il fatto che non c'è da fare tanta confusione.

Continuano quindi, anche a distanza, le frecciatine fra le due società di vertice del nostro pazzo campionato.

Già, pazzo perché continuano a vacillare le squadre che si alternano nella parte alta della classifica. Una volta raggiunta una certa posizione, non si riesce a tenerla più di qualche domenica. È successo anche alla Lazio e all'Udinese. I biancocelesti perdono in casa contro il Bologna per 3-1, mentre cadono ancora, questa volta sul sintetico del Novara – che lascia l'ultimo posto ai danni del Cesena - gli uomini di Guidolin che sembrano aver perso lo smalto di qualche tempo fa.

Ora la classifica è più corta: dalla terza in classifica (Lazio) alla settima (Inter) ci sono solo 8 punti e ancora 11 partite da disputare.

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]