Giovedì, 17 Settembre 2015 16:48

Crisi. Aprono nuovi empori della solidarietà

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Don Marco Paganiello (Caritas): "Gli empori sono solo uno degli strumenti di aiuto alle famiglie in difficoltà’’. È anzi legato agli altri servizi presenti sul territorio, come centri di ascolto o enti di formazione"

MILANO - "Nei prossimi mesi apriranno altri empori della solidarietà, segno che la crisi non è ancora finita": don Marco Paganiello e'' il coordinatore dei "supermarket" solidali delle Caritas. Sui 60 censiti da Csvnet (vedi lancio precedente), una cinquantina sono quelli gestiti dai volontari delle parrocchie. "Ogni emporio è legato agli altri servizi presenti sul territorio, come i centri di ascolto, gli enti che fanno corsi di formazione professionale ecc - ha detto intervenendo a Milano al Convegno ''Lotta allo spreco e contrasto alle nuove povertà’’-. L''emporio quindi è uno degli strumenti per aiutare le famiglie in difficolta''". Al Convegno di Milano è intervenuto, tra gli altri, anche Giacomo Vezzani, vicepresidente dell'Emporio Parma: "Dalla lotta allo spreco e alla povertà si riescono generare nuove risorse. Nel nostro caso, in un anno distribuiamo cibo che ha un valore di 1,5 milioni di euro, ma è quasi tutto donato da aziende, supermercati, negozi e solo l'equivalente di circa 60mila euro lo acquistiamo. Il motore di tutto questo sono i volontari. Senza di loro non si potrebbe fare nulla".