Giovedì, 24 Marzo 2016 17:28

Santa Cecilia. Il saluto di Pappano con l’Aurora di Panfili In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia Sabato 2 aprile ore 18 - Domenica 3 ore 18 - Lunedì 4 ore 20,30, in prima esecuzione nei concerti dell’Accademiae Stravinskij per il Giubileo

ROMA - Per l'ultimo concerto in abbonamento diretto da Antonio Pappano (Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia - Sabato 2 aprile ore 18, Domenica 3 ore 18, Lunedì 4 ore 20,30) il programma prevede due importanti composizioni del repertorio russo accanto ad una pagina di un giovane autore italiano.

La Sinfonia di Salmi di Stravinskij (dove il termine Sinfonia si riferisce alla unione armonica di suoni e canti) è una delle opere fondamentali del cosiddetto periodo neoclassico di Stravinskij; dedicata "alla gloria di Dio" l'autore vi esprime con novità di scrittura e concezione formale, il suo sentimento religioso. La Quinta Sinfonia di Čajkovskij è un classico del quale non si finisce mai di ammirare la felicità delle idee melodiche, lo splendore dell'orchestrazione, l'eleganza delle frasi e stupisce ogni volta la capacità dell'autore di trasportarci in una condizione emotiva avvincente.

Molto interessante è la composizione - che Pappano ha già diretto alla Scala e che presenta a Santa Cecilia per la prima volta - intitolata L'aurora probabilmente di Riccardo Panfili, classe 1979, considerato tra i più interessanti e apprezzati compositori della sua generazione: «“L’aurora, probabilmente” prende ispirazione da Friedrich Nietzsche, autore che ho scoperto durante l’estate dopo la terza media e del quale lessi Aurora: un’alba che illumina la notte dei feticci illusori, delle morali, delle convinzioni e delle fedi. Demoliti gli Idoli, rimane il deserto: “il grande meriggio”, l’ora in cui “le ombre sono più corte”, “il caos che danza su piedi leggeri”. Una danza su cui grava il più terribile dei dubbi: e se fosse anch’essa frutto illusorio di una fede, abbaglio di una nuova utopia? L’Aurora è sempre probabile e impossibile al contempo; speranza e fallimento, liberazione e violenza. Nei sogni secolari di una vita migliore l’umanità immagina incessantemente l’alba di un tempo nuovo: ogni uomo, da sempre, si ritaglia un piccolo raggio di speranza.  È la luce fioca dell’Aurora. Probabilmente».

bianco.png