Venerdì, 05 Dicembre 2014 07:26

Mona Metbach e i colori della libertà

Scritto da

MILANO - Che colore ha la libertà? E l'amore, la nostalgia, l'entusiasmo, che colore hanno? Juliennee (Mona) Metbach, artista manouche lo sa e nei suoi dipinti celebra proprio le forme e i colori vividi della libertà, della passione e dei bei ricordi.

Nata in Francia, a Pau, il 17 settembre 1943, Mona non ama la frenesia, l'indifferenza, le divisioni e l'ipocrisia che si incontrano troppo spesso nelle città moderne. La vita, per lei, è un lungo viaggio, il cui simbolo sono i carri e le roulotte dei Rom. Mona ama profondamente la libertà. Lei e suo marito Matéo hanno trasmesso questo valore ai loro quattro bimbi. I bambini sono la sua gioia; lei stessa viene da una famiglia numerosa: era la sesta di quattordici bambini. Non è mai andata a scuola, ma fin da piccola ha imparato le tradizioni dei Rom. Suo padre, che aveva un piccolo circo, le insegnò a leggere e scrivere. La sua vita si è sempre svolta su quattro ruote, oggi in una città, domani in un'altra, dove la sua famiglia portava "il più bello spettacolo del mondo". Anche lei si esibiva sulla pista, come acrobata e contorsionista.  "Da piccola avevo tre bambole," racconta Mona, "che trattavo come se fossero vive: le coprivo, parlavo con loro". Molti manouche erano musicisti o ballerini provetti, ma Mona preferiva disegnare. Se non aveva un mozzicone di matita, disegnava con un bastoncino nella sabbia del circo o con un pezzetto di legno carbonizzato. "Un giorno, però," ricorda con emozione, "mi ritrovai fra le mani alcuni tubetti di colore a tempera e iniziai a dipingere su carta, cartone e legno, perché le tele costavano troppo. Dipingevo la nostra vita, la natura, i fiori, gli animali e anche i personaggi che amavo, come la cantante Dalida". Un giorno suo padre si ammalò e venne ricoverato in ospedale. Mona gli stava accanto e intanto disegnava con i pastelli. La caposala fu impressionata da quei lavori e le chiese di dipingere un quadro. Mona la esaudì e la caposala acquistò quell'opera: la sua prima vendita! Successivamente le vennero commissionate altre opere e Mona si specializzò nel dipingere la vita dei Rom: musicisti, danzatori, allevatori di cavalli, artisti circensi e le carrozze con i falò. Attualmente Mona tiene mostre personali e collettive in Francia e all'estero; le sue opere sono accolte in collezioni private e in alcuni musei, fra cui il Museo dell'Art Brut a Begles e il Musée della cultura Rom a Brno. 

Nelle foto, Juliennee (Mona) Metbach e due delle sue opere

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Il mondo muore

Un freddo è sceso nel mio cuore l’ansia mi stringe la gola acuti spigoli feriscono l’anima.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]