Mercoledì, 11 Settembre 2019 19:44

Anfiteatro della Quercia del Tasso: successo per Cásina, tra disagi e autopromozione

Scritto da
Foto © Paolo Cencioni Foto © Paolo Cencioni

ROMA - È da poco calato il sipario su “Cásina” di Plauto, spettacolo di chiusura della 50° stagione dell’Anfiteatro della Quercia del Tasso al Gianicolo, che ha ottenuto il consenso del pubblico e della critica. Il merito della messa in scena spetta alla compagnia “La Plautina” di Sergio Ammirata, attore e regista talentuoso, già direttore del Teatro Anfitrione.

È, infatti, dal 1965 che il direttore inscena le commedie di Plauto in questa ineguagliabile cavea antico-romana, incantando generazioni di spettatori, che ogni anno accorrono all’appuntamento in una delle passeggiate più spettacolari di Roma, tra il belvedere del Gianicolo e la statua di Garibaldi.

Tutt’altro che facile, però, è la gestione di questo teatro estivo tra incuria e abbandono, la cui manutenzione è affidata soltanto ai privati, che si adoperano per renderlo agibile, privi di qualsiasi sovvenzione e promozione, pur essendo uno degli eventi di punta dell’Estate Romana. Ed è da allora sino a oggi, una continua lotta tra il degrado urbano e i problemi strutturali, delegati completamente alle cure della compagnia, decisa a tenerlo aperto pur rimettendoci di tasca propria per amore dell’arte. Un sacrificio ripagato dal pubblico – italiano e internazionale - che col solo passaparola riempie gli spalti, grazie alla bravura degli interpreti e all’innato carisma del direttore Ammirata, ridando lustro all’antica quercia che ha ospitato gli ultimi respiri del Tasso e del vate Giacomo Leopardi.

Dal punto di vista filologico, “Cásina” appartiene al genere palliate: le commedie latine di ispirazione ellenica ed è nota come l’ultima opera scritta da Plauto prima di morire. La trama narra la vicenda di Cásina, trovatella rinvenuta da una coppia patrizia: Cleostrata e Lisidamo, che la allevano nella propria casa, notandone sin dall’infanzia la rara bellezza. Ormai giovinetta, ammaliò sia il suo patrigno, il vecchio Lisidamo che suo figlio maggiorenne. Ed è qui che si sviluppa l’intreccio, aprendosi a più sotto-trame ordite dai due rivali per accaparrarsi la giovane a dispetto del proprio ceto e poter così approfittare di lei. Intrighi svelati in stile plautino, grazie alla furbizia del servo e all’abilità della matrona romana, che insieme riusciranno a smascherare il pater familias e i suoi macchinosi espedienti, coprendo di ridicolo le sue pulsioni perverse, suscitando ilarità e scherno in platea. Si tratta di una comicità semplice basata sul rovesciamento degli stilemi classici, nell’inversione dei modelli culturali dell’epoca per un umorismo autentico, non privo di colpi di scena. Ed è proprio questo il merito della compagnia “La plautina”: divertire senza scadere nella trivialità, adattando le maschere latine al gusto moderno al di là di rigidi schematismi. A tal proposito, brillano tutti gli interpreti per la loro complicità e fluidità di recitazione sotto la sapiente direzione di Sergio Ammirata, cui va, inoltre, il merito di attualizzare il coro, interpretata dalla brava Francesca Di Meglio: per metà narratrice e per l’altra, una vera e propria assistente alla regia, con tanto di copione, per un effetto comico senza precedenti. E chiusi i battenti sulla stagione estiva, la sperimentazione continua presso il teatro Anfitrione in via di San Saba, in un continuum ideologico, per allietare con eleganza e stile. 

Cásina

liberamente tratto dal capolavoro comico di Plauto

per la regia di Sergio Ammirata

con Vittorio Aparo (Calino); Elisabetta Centore (Cleostrata);

Amedeo D’Amico (Olimpione), Francesca Di Meglio (Trottola); Tania Lettieri (Mirrina); Helene Olivi Borghese (Pardalisca); Enrico Pozzi (Alcesimo); Maurizio Ranieri (Strabilo);

scene e costumi Clara Surro, musiche Pasquale Citera.

Foto © Paolo Cencioni

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Le parole

Le parole strumenti nelle nostre mani scritte ripetute vogliono essere comprese.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La finestra dell'anima

C’è una finestra nell’anima mia m’affaccio per stupirmi nell’infinito rosso d’un tramonto che non esiste…..

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]