Giovedì, 01 Agosto 2019 21:57

Un mondo scomparso

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Contadini un mondo scomparso.

I “contadini che siamo stati.”

Abbiamo rimosso

la loro semplicità

come mangiavano

quando i piccoli

lavoravano con i grandi

quando le case erano povere

col tetto di paglia

il letto diviso 

con gli animali.

Il popolo rurale

dell’ottocento

sotto il segno 

delle malattie

della miseria 

oppresso subiva 

una sudditanza spietata

esisteva a fatica.

Insanabile frattura

di due mondi…

Il lato moderno 

chiede il prezzo più alto

e il sacrificio più duro.

Il contadino senza strumenti

per farsi conoscere

e voce per farsi ascoltare

veniva dimenticato.

Oggi dobbiamo capire

la sua importanza ne è in gioco

la nostra sopravvivenza

e la nostra dignità di uomini.

Mirella Narducci

Correlati

In questa categoria: « Notte taciturna

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]