Mercoledì, 26 Giugno 2013 14:47

Ciampino. Asp licenzia 30 lavoratori

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

 

ROMA - «Era nell'aria da giorni, adesso è ufficiale: l'Asp, società in house del Comune di Ciampino, apre la procedura di mobilità, con il licenziamento di 30 lavoratori. La società, interamente di proprietà del Comune di Ciampino, gestisce per conto del Comune servizi di rilevanza sociale, tra cui le mense scolastiche, le farmacie, i nidi e l'assistenza scolastica agli alunni diversamente abili. Solo per il 2012l'azienda dichiara una perdita di oltre un milione di euro, a cui si somma un altro milione solo con il primo semestre di quest'anno». Così in una nota Fp Cgil Roma Sud-Pomezia-Castelli.

«Sono mesi - dichiara la Cgil Fp di Roma Sud-Pomezia-Castelli - che chiediamo un incontro all'azienda, per trovare soluzioni a questo disastro,ma niente. Adesso ci inviano una nota, con l'apertura formale della crisi e con l'elenco dei profili professionali dichiarati in esubero, gettando nel panico decine di lavoratori, e senza un confronto preventivo con le organizzazioni sindacali. È gravissimo tutto ciò, ma sembra studiato a tavolino. In questo modo la sciagurata scelta di dare in gestione privata i nidi passa in secondo piano. Anzi, così si potrà dire che quelle lavoratrici sono anche fortunate. Peccato che perderanno ore di lavoro e salario, se il Comune, come chiediamo da giorni, non tornerà sui propri passi. L'Asp al suo interno applica almeno 7 diversi Ccnl, cosicché non è stato mai possibile ragionare su un unico tavolo di relazioni sindacali.Tutto è stato sempre frammentato, diviso per i singoli servizi, e non ci è stata data la possibilità di correggere le dinamiche aziendali complessive.Ci aspettiamo adesso che entri in campo la politica, già dal prossimoConsiglio comunale, azzerando la scelta di appaltare i nidi, ritirando i licenziamenti ed aprendo un unico tavolo sul futuro dell'azienda. Da parte nostra, insieme con Cisl e Uil, siamo pronti a trovare soluzioni per rilanciare l'azienda, ma la condizione è che i servizi di rilevanza sociale devono rimanere pubblici. Far fare business ai privati non è la soluzione, solo il male minore».

Letto 2807 volte

bianco.png