Lunedì, 18 Luglio 2022 12:32

Farmaceutica. Fusione tra Bristol Myers Squibb e Celgene

Scritto da

BMS con oltre 50 molecole in diverse fasi di sviluppo

Si conclude il processo di fusione per incorporazione tra Bristol Myers Squibb srl e Celgene srl e le relative entità legali. Dal primo agosto Bms sarà l'unico rappresentante locale del gruppo e distributore dei farmaci dell'azienda in Italia. "E' un momento entusiasmante per la storia della nostra azienda - dichiara Emma Charles, General Manager Bristol Myers Squibb srl - Con l'acquisizione di Celgene, la pipeline di Bristol Myers Squibb è oggi tra le più ampie e diversificate nel mondo farmaceutico, con oltre 50 molecole in diverse fasi di sviluppo.

In particolare, operiamo in aree terapeutiche in cui è elevata la necessità di nuovi farmaci o di terapie alternative a quelle esistenti - oncologia, ematologia, immunologia, cardiovascolare - e in Italia possiamo vantare più di 40 molecole in sviluppo e oltre 140 studi clinici attivi", ricorda Charles. "Con la chiusura formale del processo di integrazione in Italia, durato oltre 2 anni - aggiunge - due realtà importanti uniscono i propri talenti per creare una nuova azienda bio-farmaceutica ancora più forte, focalizzata a migliorare la vita dei pazienti attraverso la scienza".

Bms continua a investire nel futuro in innovazione - sottolinea la società in una nota - collaborando con comunità scientifica, mondo accademico, istituzioni e associazioni di pazienti, affinché l'innovazione terapeutica si traduca in migliori risultati clinici per i pazienti. "Abbiamo una storia di eccellenza scientifica focalizzata nella ricerca e nello sviluppo di terapie all'avanguardia - evidenzia Charles - Pionieri nella scoperta dell'immuno-oncologia, abbiamo rivoluzionato il modo di trattare il cancro, migliorando la sopravvivenza a lungo termine dei pazienti e la loro qualità di vita.

Abbiamo ridefinito gli orizzonti del trattamento del mieloma multiplo, cambiando la storia naturale della malattia con un ampio portafoglio di farmaci innovativi e siamo ora impegnati nel campo delle terapie cellulari. Da oltre 30 anni portiamo innovazione nelle patologie cardiovascolari e continuiamo ad essere pionieri in immunologia, con nuovi approcci terapeutici".

bianco.png