Lunedì, 25 Maggio 2015 15:56

Dopo Tsipras arriva Podemos. Altra spina sul fianco per la troika

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

ROMA - Ha davvero spiazzato tutti la vittoria in Spagna del partito radicale di sinistra Podemos. La netta vittoria in queste regionali in attesa delle governative di fine anno pone una riflessione su questo repentino cambio di tendenza.

Stop alla corruzione e all'austerity è l'allarme lanciato dal partito di Pablo Iglesias al quale hanno risposto positivamente gli elettori, esasperati da una crisi che ha messo in ginocchio milioni di famiglie. La storia della Spagna non è molto dissimile da quella greca, con tutte le conseguenze economiche che l'hanno segnata in questi ultimi anni. Così con questa prova elettorale Podemos, assieme ai tanti micro movimenti che ruotano attorno, vuole spazzare in un colpo solo la vecchia classe politica, quella additata come responsabile per aver trascinato il Paese in una situazione socio economica intollerabile.

Ma il successo del partito spagnolo nato solo un anno fa è da ricercare anche nelle politiche economiche finora adottate dall'Europa, dallo sfrenato liberismo, all'imposizione di un'austerity che ha continuato ad allargare ulteriormente il divario tra ricchi e poveri,  lacerando e spesso cancellando  le fasce sociali più deboli. Insomma, esattamente come il movimento di Tsipras, la vittoria di Podemos è il segnale inequivocabile che l'Europa così com'è concepita non va, non funziona, non ha addirittura senso starci dentro, se vogliamo dirla tutta. E in Italia ne sappiamo qualcosa cosiderando soprattutto l'indifferenza che l'Unione Europea ci sta dimostrando in tema di immigrazione. Ora però l'Eurozona, la troika delle banche e dei poteri forti dovranno fare i conti  con il nuovo elettorato spagnolo, il cui grido di vendetta sociale si unisce a quello del partito greco di Syriza. Ma il primo ministro Tsipras, come promesso, continua a ribadire che non tradirà il suo elettorato. Insomma prima prima la gente, poi l'Europa.  

Inutile dire che con un risultato così eclatante c'è poco da scherzare. In Spagna i cittadini hanno rialzato la testa dopo tanto tempo  e forse è questa la vera vittoria che può indicare la strada da percorrere anche nel resto dell'Europa, almeno per evitare la totale implosione di un modello economico che non può più funzionare. Di sicuro questa vittoria spagnola è un altra spina nel fianco per Bruxelles.

Ultima modifica il Lunedì, 25 Maggio 2015 16:13
Alessandro Ambrosin

direttore responsabile

www.dazebaonews.it