Carotaggio continuo: cos’è e a cosa serve

Il carotaggio continuo è una tecnica di perforazione utilizzata nell’edilizia e nell’industria della costruzione per ottenere campioni di terreno o di roccia. Per effettuarla è necessario realizzare  un foro cilindrico nel terreno, il cui diametro può variare dai 30 ai 300 millimetri.

Questa tecnica viene effettuata con l’ausilio di una macchina detta carotatrice, che permette di perforare il terreno senza compromettere la sua struttura. Il campione viene poi analizzato in laboratorio per valutarne le caratteristiche geotecniche.

Rappresentando uno dei pochi metodi di indagine nel novero delle tecnologie di diagnosi cosiddette “non invasive”, la richiesta e i lavori di carotaggio continuo nel sud Italia, così come nel resto della nazione, sono in continua crescita.

Perché si effettua il carotaggio continuo?

Il carotaggio continuo viene effettuato per diverse finalità, tra cui:

  • Caratterizzazione geotecnica del terreno: in quanto permette di ottenere campioni di terreno o di roccia che vengono analizzati in laboratorio per determinarne le proprietà geotecniche, come la resistenza e la permeabilità. Queste informazioni sono fondamentali per progettare edifici e infrastrutture in modo sicuro e affidabile;
  • Valutazione della stabilità del terreno: questa tecnica permette di valutare la stabilità del terreno in prossimità di un’opera in costruzione o già esistente, consentendo di prevenire eventuali cedimenti o frane;
  • Ricerca di acqua sotterranea: il carotaggio continuo può essere utilizzato anche per cercare acqua sotterranea, tramite la perforazione di pozzi d’acqua;
  • Indagine archeologica: può essere utilizzato anche in campo archeologico, per ottenere campioni di terra da analizzare alla ricerca di reperti antichi.

Come si fora il terreno con il carotaggio continuo?

La tecnica viene eseguita tramite l’utilizzo di una macchina detta carotatrice, dotata di una punta di diamante che permette di perforare il terreno. La macchina è collegata a un’unità di alimentazione idraulica che fornisce la pressione e la forza necessarie alla perforazione.

Questo processo avviene in modo continuo e senza interruzioni, fino al raggiungimento della profondità desiderata. Durante la perforazione, il campione viene raccolto all’interno di un tubo di prelievo cilindrico detto carota, che viene estratto a intervalli regolari per permettere l’estrazione del campione.

Il carotaggio continuo può essere effettuato su terreni di diversa natura, dalle rocce dure ai terreni più morbidi, e può raggiungere profondità anche superiori ai 100 metri.

Per adoperare al meglio la tecnica in questione risulta fondamentale l’utilizzo di strumenti e macchinari sofisticati, per questo è importante affidarsi a professionisti qualificati e specializzati nel settore. Inoltre, è imprescindibile rispettare tutte le normative di sicurezza previste per l’effettuazione di lavori di perforazione.

Perché scegliere il carotaggio continuo? 

Fondamentale nell’edilizia e nell’industria della costruzione, il carotaggio continuo consente di progettare edifici e infrastrutture in modo sicuro e affidabile, prevenire cedimenti o frane, cercare acqua sotterranea e condurre ricerche archeologiche. Tuttavia, come accennato in precedenza, è importante affidarsi solo ed esclusivamente a professionisti qualificati e specializzati nel settore, che possano garantire la massima sicurezza durante l’esecuzione dei lavori.

Condividi sui social

Articoli correlati