Rivoluzione nella ricerca: l’intelligenza artificiale Identifica i tumori

Grazie all’intelligenza artificiale, un team dell’Institut Curie di Parigi ha identificato con successo il cancro di cui era affetto un pensionato. Questa scoperta promette di accelerare notevolmente il trattamento della malattia

Presso l’Institut Curie, l’intelligenza artificiale viene utilizzata per identificare l’origine del cancro, permettendo così di somministrare un trattamento adeguato il più rapidamente possibile. Una diagnosi precoce aumenta significativamente le possibilità di guarigione.

AI per un trattamento mirato

Alain Vadell, un pensionato che combatteva contro il cancro da due anni, ha ricevuto recentemente una notizia inaspettata: l’intelligenza artificiale aveva finalmente risolto il mistero della sua malattia. I medici non riuscivano a determinare l’origine del tumore, ma il sistema AI ha individuato ciò che sembrava impossibile da trovare.

La dottoressa Sarah Watson, progettista dell’algoritmo, ha utilizzato decine di migliaia di dati per giungere alla diagnosi. “Siamo assolutamente certi della diagnosi della sua malattia. La classificazione di questa malattia nella famiglia dei sarcomi apre possibilità di trattamenti mai avuti prima,” ha commentato l’esperta.

Rivoluzione per i pazienti

Per i pazienti, questa è una rivoluzione. “Si tratta del trasferimento di strumenti matematici e informatici estremamente avanzati alla cura dei pazienti,” ha aggiunto la dottoressa Watson.

AI e sopravvivenza al cancro

I pazienti che ricevono trattamenti mirati grazie all’AI vedono triplicare le loro possibilità di sopravvivenza. Sono state effettuate duecento risonanze magnetiche su tumori molto aggressivi nelle donne.

L’AI è in grado di indicare se il trattamento abituale sarà un fallimento o un successo, aiutando a evitare chemioterapie non necessarie. La diffusione di questa tecnologia in tutto il Paese rappresenta una sfida significativa ma anche una fonte di grande speranza. Ogni anno, il cancro colpisce 430.000 persone in Francia.

Condividi sui social

Articoli correlati