Sabato, 04 Dicembre 2021 16:38

Ricerca. Curare le fobie e lo stress post-traumatico con la realtà aumentata

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Le tecnologie innovative potrebbe aprire nuove strade nel trattamento clinico di alcune patologie psichiatriche

Alcuni partecipanti a uno studio pilota realizzato presso la Wayne State University School of Medicine di Detroit sono stati in grado di toccare una tarantola viva utilizzando la terapia di esposizione alla realtà aumentata, o ARET. 

Il Professore di Psichiatria e Neuroscienze Comportamentali Arash Javanbakht ha guidato questo interessante progetto che ha coinvolto 25 uomini e donne di età compresa tra 18 e 45 anni affetti da aracnofobia.
Il team, che ha visto la partecipazione anche dell'architetto Shantanu Madaboosi, l'ingegnere di sviluppo Rakesh Ramaswamy e una studentessa di dottorato Lana Ruvolo Grasser, ha scoperto che ARET può essere adattato con successo utilizzando le Microsoft HoloLens, un dispositivo indossabile sul quale gira un nuovo software capace di elaborare risposte rapide ed effetti sostenuti. Il software collega il computer del medico all'auricolare AR tramite una rete locale o LAN, fornendo una visuale tridimensionale delle superfici che circondano l'ambiente dove si trova il partecipante. Un menu a discesa consente al medico di scegliere un ologramma e un sottotipo dell'oggetto temuto – lupo, ragno o vedova nera – e il suo colore, dimensione, direzione di movimento e velocità.

I risultati dettagliati di "contestualizzazione nella vita reale della terapia dell'esposizione utilizzando la realtà aumentata" sono stati pubblicati sulla rivista Annals of Clinical Psychiatry.
I partecipanti si sono spostati attraverso diversi livelli di esposizione nelle sessioni, aumentando gradualmente la velocità, la vicinanza e il numero di ragni che strisciavano sui muri e su reti aumentate, variando l'ambientazione da una stanza aperta e ariosa a uno spazio buio e senza finestre.

L'idea è partita proprio dal Dr. Javanbakht dopo aver assistito a una TED Talk della startup AR Meta, incentrato su uno dei prototipi di cuffie dell'azienda e presentato dal suo amministratore delegato Meron Gribetz.

La realtà aumentata è una tecnologia interattiva uomo-computer che consente di mescolare oggetti creati virtualmente con la realtà. Invece di creare un ambiente completamente sintetico, AR aggiunge oggetti creati virtualmente al mondo reale. L'AR crea solo l'oggetto virtuale e non l'intero ambiente, richiedendo meno potenza di elaborazione rispetto alla realtà virtuale e può essere meno costoso.
“Ho pensato che potesse fornire una straordinaria opportunità per la terapia dell'esposizione. La terapia dell'esposizione è un trattamento efficace, ma il suo uso è limitato dalla mancanza di accesso agli oggetti temuti e dalla mancanza di capacità di fornirli nel contesto della vita reale. L'AR può fornire accesso a un'ampia varietà di oggetti temuti, come cani di varie razze, dimensioni e comportamenti, completamente controllati dal terapeuta nel contesto della vita reale. Per me questa era la soluzione ideale", ha detto Javanbakht, che mi ha portato a contattare l'amministratore delegato di Meta, che tra l'altro è un neuroscienziato. Il resto è storia". Storia che ha inizio nel 2016, quando il Dr. Javanbakht testa questa nuova tecnologia all'università.

"Nei prossimi due mesi, utilizzeremo il prodotto per il disturbo da stress post-traumatico per i primi soccorritori per aiutarli a superare le loro difficoltà a stare in mezzo alla folla", ha precisato Javanbakht.

“L'idea è quella di utilizzare questa tecnic in contesti clinici al di fuori dell'università per il trattamento di fobie, disturbo da stress post-traumatico e fobia sociale, nonché per la formazione. Inoltre, - aggiunge Javanbakht - mi piacerebbe vedere gli smartphone utilizzati per la consegna del trattamento tramite telemedicina, il che ne amplierà significativamente l'uso".

“L'AR si è rivelata una tecnologia molto innovativa e la maggior parte delle persone non è ancora consapevole della sua esistenza né dei molteplici usi a cui propone. Al momento questa tecnologia viene utilizzata principalmente nei grandi ambienti industriali, anche perché la programmazione non è facile e non ci sono molti esperti in questo settore."

 

Ultima modifica il Sabato, 04 Dicembre 2021 17:25

bianco.png