Lunedì, 24 Ottobre 2016 15:37

Calcio. De Boer: la panchina trema

Scritto da

MILANO - Che succede all’Inter “cinese”? Quella che doveva rilanciarsi immediatamente con la nuova e ricca dirigenza nel calcio delle “grandi”?

Le aspettative, i sogni di rilancio, il coraggio di un tecnico giovane ma caprbio, avevano dato l'immagine di un'Inter pronta per ripartire e competere con le squadre più attrezzate. Invece, dopo nove partite e solo 11 punti raccolti, si parla già di un nuovo possibile cambio sulla panchina nerazzurra. 

L’Inter sta giocando un campionato a parte. Capace di battere la Juventus giocando anche un bel calcio ma, allo stesso tempo, capace di perdere il 50% delle partite fin qui disputate tra coppa e campionato. I nerazzurri di De Boer sono stati sconfitti con il Chievo, con la Roma, con il Cagliari e con l’Atalanta, mentre hanno pareggiato con Palermo e Bologna. A parte i giallorossi, per una squadra che punta ai vertici alti della classifica, con le cosiddette piccole avrebbe dovuto ottenere sicuramente più punti.

E ora, per il mister olandese, i tempi si fanno sempre più cupi. Oggi è in corso un vertice con la società per capire se Frank De Boer possa rimanere, almeno fino alla sfida di mercoledì con il Torino, o finire qui immediatamente la sua avventura targata Inter.

È sicuramente da condividere la sua filosofia di gioco, votata all’attacco e al possesso palla, con trame interessanti che però fino ad ora non sono riuscite a trovare terreno fertile nel tessuto tecnico nerazzurro. Un po’ per incapacità dei calciatori di recepire determinati movimenti, un po’ per una mancanza di sicurezza in sé stessi e un po’, probabilmente, per la poca qualità tecnica di alcuni suoi interpreti, soprattutto quelli del reparto difensivo. Inoltre, manca l’uomo delle idee in mezzo al campo, che al momento è stato incarnato da Banega. E qui ci mette lo zampino il tecnico olandese, che lo ha lasciato fuori sia in coppa giovedì, sia ieri in campionato, nel nome di uno sconsiderato e fuori luogo turnover.

Ora è arrivato il tempo della svolta: o la squadra cambia atteggiamento, cercando di trovare più compattezza e più sicurezza, o si cambia allenatore. In questa seconda ipotesi ci sarebbe tutto lo psico-dramma nerazzurro, quello già assaporato, purtroppo per i tifosi, più volte nel post triplete.

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]