Lunedì, 14 Marzo 2011 20:27

I lettori del Guardian schierano 12 italiani nella loro formazione

Scritto da

ROMA - La eco della vittoria storica della nazionale italiana di rugby sulla Francia ha varcato gli austeri cancelli dei sudditi di sua maestà.

I commenti positivi si sono sprecati sulla stampa e non è detto che ciò non sia dovuto al divertimento che provoca agli inglesi veder bistrattare i galletti. Quel che sorprende, però, è notare che l'impresa italiana non solo si guadagni fiumi di inchiostro, ma anche vetrine e posti d'onore.


E' il caso dei lettori del quotidiano inglese The Guardian che, nello stilare la squadra ideale del quarto turno del Sei Nazioni 2011, schierano dodici giocatori italiani su quindici disponibili, 'macchiando' il loro team con soli tre giocatori non azzurri. Nello specifico solo il mediano di apertura gallese James Hook, il flanker inglese James Haskell e il seconda linea scozzese Richie Gray, riescono a rubare il posto ai pari ruolo italiani.
Il giornalista Martin Pengelly, chiamato a commentare le scelte dei lettori inglesi, tra il serio e il faceto, cerca di smontare gli entusiasmi italiani con puntuta ironia. Spassoso quel  "Good Lord – an interloper!" (Dio, un intruso), appena dopo aver incontrato il primo straniero in lista. Più che dello humor inglese, però, Pengelly sembra essere preda dell'invidia. Forse ha dimenticato quanto ci si possa emozionare per una vittoria della propria nazionale. Qualcuno gli porti l'alka seltzer.

Clicca qui per la formazione dei lettori del The Guardian*