Martedì, 01 Maggio 2012 19:41

Primo Maggio con Philippe Daverio per salvare Villa Adriana

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

L’appuntamento oggi è a Ponte Lupo dove Save Italy e Villa Adriana hanno organizzato una giornata per salvare una perla del “Capitale” italiano


ROMA - Un’idea per trascorrere in maniera diversa la tradizionale scampagnata di maggio ed al tempo stesso rispondere all’appello di Philippe Daverio che già con la sua trasmissione ha dedicato forte attenzione alle luci ed ombre di Tivoli e dintorni, alla salvezza della Villa di Adriano e dell’Agro Romano antico minacciati dalla costruzione di una discarica di rifiuti.

Il programma prevede che dalle 10 alle 18 Ponte Lupo potrà essere visitato liberamente e l’ampio spazio che gli è prossimo potrà ospitare il Picnic tradizionale. Per rispondere alla impossibilità di parcheggiare, un bus navetta (dalle 10 alle 18) farà la spola tra il punto informativo situato a Osteria Capannelle ed il chilometro 30 della via Polense, da lì percorrendo a piedi uno stradello sterrato di circa un chilometro si raggiunge la radura.
Contro i rifiuti a Corcolle-San Vittorino., lo scorso mese di febbraio fu organizzata una marcia di protesta che vide la presenza di movimenti ambientalisti ritrovatisi all'ingresso di Villa Adriana fino a Villa d'Este, siti culturali Unesco di immenso valore «minacciati» dal piano rifiuti regionale. «Chiuderà Villa Adriana», annunciarono i manifestanti e subito fu avviata una petizione, ospitata su www.firmiamo.it, a cui hanno aderito anche che il premio Nobel Dario Fo e Franca Rame ma anche Ascanio Celestino, Giovanna Marini e Alessandro Portelli, Antonello Venditti, Nicola Piovani, Anna Mazzamauro, Pippo Baudo, Pasquale Squitieri, Guido Mazzella, Paolo Portoghesi e Federico Zampaglione. Si tratta di una protesta ambientalista che va avanti da mesi, unitamente a quella contro la realizzazione dell'altra discarica di Quadro Alto a Riano: il secondo sito che, con Corcolle, dovrebbe «provvisoriamente» sostituire la discarica di Malagrotta. Una ennesima vergogna tutta italiana : una discarica localizzata a soli 700 metri dal confine della Villa Adriana, sulla necropoli arcaica della antica città di Pedum e come se non bastasse il luogo prescelto è a 300 metri dalle case della borgata Capannelle e a un chilometro dal Villaggio Adriano. Solo nella nostro Paese è possibile seppellire di rifiuti millenni di storia e cultura.

Ed è così che Villa Adriana oltre ad essere per buona parte a rischio crollo, vittima dell’incuria e dei pochi fondi che vengono stanziati dalle istituzioni per i beni culturali adesso rischia di aver come panorama una discarica che non tarderà a far sentire la sua presenza, soprattutto in estate.
Questo è il link dove si può firmare la petizione:http://www.ipetitions.com/petition/protect-hadrians-villa/

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]