Giovedì, 17 Maggio 2012 15:40

L'Italia fa indignare. Il New York Times scende in piazza in difesa di Villa Adriana

Scritto da
Rate this item
(4 votes)
Villa Adriana Villa Adriana

ROMA - L'Italia ha una grande capacità: quella di fare indignare il mondo. E questa volta non c'entrano le battute infelici dell'ex premier Silvio Berlusconi, che ha fatto del Bel Paese la barzelletta del globo, bensì l'incapacità di politiche e attenzioni su tutte quelle risorse "naturali" che ci ritroviamo in casa nostra senza aver fatto nessuno sforzo.

Parliamo del patrimonio artistico mondiale, il cui 62% si trova proprio in Italia. Peccato che, in buona e mala fede, nessuno sembra accorgersi mai  di questo "petrolio" che ci hanno lasciato in eredità le civiltà passate. Crollano le chiese, i monumenti si sbriciolano, le antiche città come Pompei cadono a pezzi e, ciliegina sulla torta,  si aprono discariche a Corcolle-San Vittorino, ad un passo da uno dei siti più prestigiosi e suggestivi dell'epoca romana:  Villa Adriana. Addirittura il New York Times si dice pronto a scendere in campo se dovesse essere realizzato lo scempio di una discarica a pochi passi da un luogo protetto dall'Unesco e  patrimonio dell'umanità.

La conferma arriva dal principe Urbano Barberini, coordinatore del Comitato  Salviamo Villa Adriana che sabato prossimo promuoverà, accanto al Fai, a Italia Nostra, al Wwf Italia, a Legambiente, agli istituti di archeologia italiano e tedesco la manifestazione  Porta il cuore a Villa Adriana nell'ambito del progetto  Save Italy  di Philippe Daverio. Ed ha aggiunto Barberini: "Il prefetto Giuseppe Pecoraro e il governatore del Lazio Renata Polverini non si devono rendere responsabili di un crimine culturale che rimarrà come una macchia indelebile sul nostro Paese. Confido nell'attenzione e soprattutto nella sensibilità del premier Monti, che dovrà incontrare a breve il prefetto Pecoraro che saprà difendere i suoi ministri, Clini e Ornaghi, e la legalità nell'interesse del Paese".


E così succede che mentre la maggior parte degli italioti, di politici rampanti, di manager dalla risposta facile continuano a parlare a vario titolo di ipotetiche crescite per il Paese, che probabilmente mai ci saranno, si dimentica che questo prezioso patrimonio andrebbe protetto, curato e preservato per le generazioni future con attenzioni particolari e non abbandonato in balia degli eventi o venduto al miglior offerente.
Ma non solo. Perchè questo museo a cielo aperto, che ci invidiano in tutto il Mondo,  potrebbe creare tanti nuovi posti di cultura. Il passo è più facile di quello che sembra. Basta aprire gli occhi.

Alessandro Ambrosin

direttore responsabile

www.dazebaonews.it

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]