Sabato, 03 Novembre 2012 13:11

L’Oculistica senese è al top in Toscana per i trapianti di cornea

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Da gennaio 2009 a settembre 2012 effettuati ben 297 trapianti di cornea

Siena - L’Oculistica senese è al top in Toscana per i trapianti di cornea. Il risultato è frutto dell’ottimo lavoro portato avanti dall’équipe diretta dal professor Aldo Caporossi e dalla collaborazione con la Banca delle Cornee della Regione Toscana, che ha sede a Lucca. Tra il 1° gennaio 2009 e il 30 giugno 2012 sono ben 297 i trapianti di cornea effettuati dall’Oculistica del policlinico Santa Maria alle Scotte, merito anche delle numerose donazioni di cornea effettuate da tante persone sensibili e generose. “Abbiamo a disposizione tre diversi tipi di trapianto di cornea – spiega Caporossi – e ne stiamo sperimentando una quarta tipologia, grazie ad un ottimo mix tra professionalità, esperienze, competenze e alta tecnologia”. Circa il 60 per cento dei trapianti vengono effettuati sostituendo tutta la cornea, grazie all’ottimo lavoro chirurgico che viene effettuato con un laser di ultima generazione, il femtosecond.

“Con questa tecnica tagliamo la cornea a zig zag – aggiunge Caporossi – e la adattiamo perfettamente all’occhio, come se fosse l’incastro di una finestra. La seconda metodologia di trapianto, detta cheratoplastica lamellare posteriore, permette di trapiantare solo un velo sottile di cornea, la parte dell’endotelio che ha uno spessore di 100-120 micron, soprattutto per quei pazienti con problemi legati al postoperatorio della chirurgia di cataratta o glaucoma”. L’endotelio è infatti una parte fondamentale dell’occhio perché, quando non funziona, le acque presenti nell’occhio gonfiano il tessuto corneale che si ispessisce e causa nebbia nella visione. L’acqua, inoltre, crea delle bolle nell’occhio, molto dolorose.

“Il terzo tipo di trapianto che effettuiamo – prosegue Caporossi – chiamato cheratoplastica lamellare profonda, prevede invece la possibilità di trapiantare tutta la cornea tranne la parte dell’endotelio e, quindi, una superficie di 480 – 520 micron, soprattutto per pazienti con malattia del cheratocono e opacità della cornea”.

La quarta via per il trapianto di cornea è attualmente in sperimentazione e si chiama DMEK. “Con questo sistema – conclude Caporossi – riusciremo a trapiantare un velo sottilissimo della cornea, di circa 16 micron, solo una piccola parte endoteliale. Stiamo lavorando sodo per affinare questa tecnica, molto complessa perché è come dover impiantare un velo di cipolla senza farlo sgretolare”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]